Come lavare i capelli senza shampoo
(Shutterstock.com/StoryTime Studio)

Come lavare i capelli senza shampoo? Scopriamo insieme quali sono i prodotti alternativi a quelli classici e avere una chioma perfetta.

Trovare uno shampoo che non abbia ingredienti irritanti e nocivi è diventata un’impresa ardua. La domanda, quindi, sorge spontanea: come lavare i capelli in modo naturale? Fortunatamente, ci sono valide alternative ai prodotti disponibili in commercio, che non solo proteggono e rendono più forte la chioma, ma garantiscono anche un ottimo risultato finale. Qualcuno deterge i capelli con la sola acqua, ma è bene sottolineare che questo metodo rischia di farvi prendere un colpo appena vi specchiate. La chioma, infatti, avrà un effetto ‘fieno’ che non è piacevole né alla vista e né tantomeno al tatto. Pertanto, cerchiamo soluzioni alternative.

Una ricetta valida, amata tantissimo dalle nostre nonne, prevede l’utilizzo di sapone al potassio e aceto. Vi basterà fare un po’ di schiuma con il sapone e applicare la stessa sui capelli, massaggiando a fondo il cuoio capelluto. Dopo di che risciacquate con aceto di sidro e procedete con la classica messa in piega. Se non avete il sapone a portata di mano o non lo amate particolarmente, sostituitelo con il bicarbonato di sodio. Quest’ultimo è in grado di assorbire il sebo in eccesso e libera i capelli dallo sporco, anche quello più ostinato. E’ bene sottolineare, però, che il bicarbonato di sodio, così come il sapone, ha un pH fortemente alcalino, pertanto non è adatto ai capelli. E’ proprio per questo che richiede sempre un risciacquo con l’aceto di sidro.

Un altro modo valido per lavare i capelli senza shampoo è utilizzare il tuorlo d’uovo. L’odore non è piacevole, questo è impossibile negarlo, però anche in questo caso c’è la soluzione: potete utilizzare qualche goccia di olio essenziale sulla chioma bagnata, da distribuire in modo uniforme prima di procedere con l’asciugatura. Per utilizzare questo metodo non dovete fare altro che montare a neve 2/3 tuorli e applicarli alle radici, massaggiando il cuoio con movimenti circolari.

Noci Washnut
(Shutterstock.com/OlegD)

Come lavare i capelli senza shampoo: la natura ha sempre la risposta giusta

Altro prodotto miracoloso è l’argilla Ghassoul marocchina. Utilizzata spesso per curare la pelle grassa, acneica o impura, è adatta anche per purificare la chioma. Regola la secrezione di sebo e libera il cuoio capelluto dalle tossine. Vi basterà mescolarla con un po’ d’acqua tiepida e preparare una pasta omogenea. Dopo di che applicatela con massaggi circolari e lasciate agire qualche minuto. Dopo aver risciacquato con acqua, eseguite un altro risciacquo con l’aceto di sidro, che andrà a bilanciare il pH del cuoio.

Infine, un ultimo prodotto per lavare i capelli senza shampoo sono le washnut, ovvero i gusci secchi delle noci dell’albero indiano Sapindus Mukorossi. Utilizzati spesso come polvere da bucato ecologica e sostituti di tutti i prodotti chimici per la cura della casa, sono particolarmente indicati anche per la cura della chioma. Questo perché contengono saponina, una sostanza naturale che, a contatto con l’acqua, crea una schiuma come quella del sapone. Non solo, è in grado di detergere efficacemente e liberare il cuoio capelluto da tutte le impurità. Non dovete fare altro che mettere 8 gusci di noci in acqua bollente e cuocerli per 5 minuti. Attendete che il liquido sia freddo e versatelo sui capelli umidi, massaggiando delicatamente. Risciacquate con acqua tiepida e procedete con la messa in piega. Questo elisir non ha un buon odore, ma è bene sottolineare che lo stesso non rimarrà sulla chioma.