colesterolo scritta stetoscopio
(Shutterstock.com)

Ci sono rimedi naturali contro il colesterolo? Vediamo quali sono quelli più efficaci e rispolveriamo i vecchi consigli della nonna.

Problematica che affligge molte persone, il colesterolo alto non è causato solo dalla predisposizione genetica, ma anche dall’alimentazione scorretta e dalla mancanza di attività fisica. Innanzitutto, è bene sottolineare che quando i valori sono troppo elevati è necessario fare ricorso ai farmaci. In ogni modo, i rimedi naturali efficaci sono diversi, per cui possono sempre essere abbinati alla terapia e ad una dieta corretta.

Senza ombra di dubbio, il tarassaco è il primo alleato per combattere il colesterolo. Con proprietà diuretiche e digestive, agevola l’escrezione della bile, per cui favorisce l’eliminazione biliare del colesterolo in eccesso. Altro rimedio valido è il carciofo, che vanta virtù coleretiche e colagoghe. E’ in grado di agire sull’assimilazione e sulla metabolizzazione delle sostanze lipidiche, agendo come ipocolesterolemizzante. Altrettanto efficaci sono l’estratto di olivo, con azione diuretica in grado di abbassare i livelli di LDL nel sangue, e la borragine, utile anche nel trattamento dell’ipertensione.

dente di leone tarassaco
(Shutterstock.com)

Colesterolo alto: rimedi naturali efficaci

Per combattere il colesterolo alto è valido anche la vitamina E, che ha un effetto antiossidante e mantiene normale la colesterolomia. Ottimi anche l’olio essenziale di limone, che stimola il rilascio di bile e la contrazione della cistifellea, e il gamma orianzolo estratto dalla crusca di riso. In alternativa, l’erborista potrebbe consigliare un prodotto combinato, magari formato da tarassaco, carciofo, olivo e policosanoli. Questi ultimi modificano la capacità di assimilazione delle sostanze lipidiche, inibendo la produzione di LDL endogeno e limitando la sintesi dello stesso.

E’ bene sottolineare che, anche se sono rimedi naturali, devono sempre essere consigliati dal medico, l’unico che può valutare l’intero quadro clinico del paziente. Generalmente, le soluzioni elencate sopra si assumono prima dei due pasti principali, ma è necessario seguire le indicazioni fornite dallo specialista.