donna mano orecchio
(shutterstock.com/Miss Ty)

Il catarro nelle orecchie è una fastidiosa problematica che colpisce sia bambini che adulti. Vediamo quali sono i migliori rimedi naturali.

Problematica che affligge sia adulti che bambini, il catarro nelle orecchie è chiamato in gergo medico otite media diffusa. Questo significa che, quando si manifesta, avverte che c’è un’infiammazione in corso. Anche se è una patologia piuttosto diffusa, è bene sottolineare che generalmente non provoca danni di un certo peso e sparisce senza l’aiuto di farmaci. Ovviamente, è il medico che deve valutare la situazione e consigliare l’eventuale assunzione di medicine. Pertanto, al primo campanello di allarme rivolgetevi allo specialista. Nella maggior parte dei casi, perlomeno nei pazienti che non hanno un quadro clinico delicato, il catarro nelle orecchie non presenta dolori o febbre. Solitamente, si avverte una minore percezione dei suoni, ovvero un abbassamento temporaneo dell’udito e, in alcuni casi, vertigini e nausea. Fortunatamente, sono diversi i rimedi naturali efficaci per contrastare l’otite media diffusa.

Innanzitutto, è bene cercare di fluidificare il catarro in modo da farlo uscire dalle orecchie. Tra i vecchi consigli della nonna, il primo è senza ombra di dubbio quello che prevede l’utilizzo dell’olio di oliva. Questo deve essere riscaldato leggermente perché aiuterà a sciogliere il muco. In alternativa, potete usare l’olio di mandorle. Dopo aver scaldato l’uno o l’altro prodotto, fate scivolare qualche goccia all’interno del canale uditivo, mettendo un batuffolo di cotone imbevuto a chiusura. Tenete in posa per almeno dieci minuti. Un’altra valida soluzione, sempre sfruttando il potere del calore, è l’oleolito di camomilla, che vanta anche proprietà antinfiammatorie.

orecchio gocce
(shutterstock.com/Vadim Zakharishchev)

Catarro nelle orecchie: rimedi naturali e consigli della nonna

Per combattere il catarro nelle orecchie è valido anche un composto da preparare con l’argilla tiepida. Con proprietà antisettiche e battericide, svolge un’azione espettorante dei fluidi verso l’esterno. Molto efficaci sono anche alcuni oli essenziali, soprattutto quelli di eucalipto, tea tree oil, pino, timo e menta. Utilizzateli per fare i suffumigi perché hanno tutti proprietà fluidificanti, antisettiche ed espettoranti. Non vi aiuteranno soltanto a ridurre il catarro nelle orecchie, ma anche nelle altre parti del corpo. Ricordatevi, inoltre, di fare almeno due volte al giorno i lavaggi nasali, utilissimi quando si tratta di infezioni delle vie respiratorie.

Infine, consumate molte tisane ben calde, con l’aggiunta di almeno un cucchiaino di miele. Via libera anche alle zuppe e alle minestre e a tutto ciò che è liquido e caldo. Aumentate anche il consumo di alimenti ricchi di vitamina C, utile per innalzare in modo naturale le difese immunitarie.