donna lingua lente ingrandimento
(shutterstock.com/kei907)

Da cosa può dipendere il bruciore alla lingua? Diamo uno sguardo ai rimedi naturali più efficaci e rispolveriamo i consigli della nonna.

Il bruciore alla lingua, in gergo medico glossopirosi, è un disturbo fastidioso che, generalmente, scompare così com’è arrivato. Il sintomo principale, come si può facilmente intuire, è la sensazione di infiammazione all’interno della cavità orale. Qualcuno, inoltre, può manifestare bocca secca o dolorante, formicolio, gusto amaro o metallico e intorpidimento della lingua o di più aree della bocca. Le cause che possono portare a sviluppare questa problematica sono diverse. Le più comuni sono: sindrome della bocca secca, ustioni, ferite alla lingua e alla mucosa orale, allergie alimentari o da contatto, gastrite, diabete e reflusso gastroesofageo. A questi fattori, poi, si possono aggiungere: herpes labiale, candida, afte, problemi dentali con conseguente estrazione, bruxismo, stress, ansia, depressione e alcuni medicinali antinfiammatori non steroidei (FANS). In molti casi, è bene sottolinearlo, questa sensazione dura poco, qualche giorno al massimo, ed è facilmente sopportabile senza alcun farmaco. In caso contrario, occorre parlarne con il proprio medico perché potrebbe rappresentare il campanello di allarme di una patologia più seria.

Per quel che riguarda i rimedi naturali, invece, sono diversi e possono essere utilizzati tranquillamente. La prima cosa da fare, senza ombra di dubbio, è trovare sollievo con l’alimentazione. Per qualche giorno evitate cibi speziati, duri e con spigoli. Preferite, invece, alimenti liquidi e freschi, come yogurt, cagliata e riso che donano una immediata sensazione di benessere, e ricchi di vitamina C, come: meloni, broccoli, peperoni, fragole, arance e succo fresco di mirtillo rosso senza zuccheri aggiunti.

bocca lingua ferita
(shutterstock.com/Momentum Fotograh)

Bruciore alla lingua: rimedi e consigli della nonna

Un valido consiglio della nonna prevede l’utilizzo del ghiaccio. Vi basterà tenere per un po’ in bocca un cubetto di ghiaccio per avvertire una sensazione di benessere. Il freddo, infatti, addormenterà per un po’ i ricettori del dolore e, contemporaneamente, rinfrescherà il cavo orale. Un altro rimedio naturale efficace è bere poca acqua ma spesso, in modo da tenere bagnata la zona in questione. Almeno due volte al giorno, inoltre, sono consigliati i gargarismi con acqua e sale. Mettete a bollire un po’ d’acqua con il sale. Togliete dal fuoco e aspettate che sia tiepido, poi utilizzate il composto nell’arco della giornata.

Altro rimedio utile contro il bruciore alla lingua è il consumo di piccoli sorsi di latte freddo con un cucchiaino di miele. Se avete il brutto vizio del fumo, è arrivato il caso di smettere. Se proprio non riuscite ad abbandonare la nicotina, cercate di sospenderla almeno per qualche giorno.

Cosa vuol dire quando ti brucia la lingua?

Il bruciore alla lingua può essere causato da diversi fattori, alcuni di poca importanza e altri molto gravi. Tra le cause localizzate più comuni abbiamo: ferite provocate da denti appuntiti o protesi sbagliate, ustioni, esposizione a sostanze irritanti e stomatite allergica da contatto. Invece, tra le sistemiche si segnalano: scarlattina, diabete, terapie farmacologiche, stress emotivi e disturbi ormonali.

Come capire se hai un infezione alla lingua?

I sintomi di un’infezione alla lingua sono chiari: sensazione di corpo estraneo in bocca, difficoltà nel deglutire, masticare o parlare, aumento della produzione di muco o della salivazione, ulcere sulla mucosa linguale o macchie bianche.

Come si presenta una lingua malata?

Generalmente, una lingua malata appare diversa in base alla problematica che la interessa. In caso di mancanza di vitamine o in presenza di infiammazione, è ruvida. Se è pallida, invece, indica anemia, mentre se è bianca potrebbe essere colpa della gastrite, dell’ulcera gastrica o di una patologia infettiva in corso. Infine, quando è marrone o nera è colpa di uno sviluppo batterico o micotico, della gastrite o del fumo.

Come capire se si ha un fungo alla lingua?

La micosi orale si presenta con segni e sintomi diversi. Quelli più comuni sono: sapore sgradevole in bocca (metallico, amaro, salato, acido), sensazione di bruciore sulla lingua, placche bianche sulla lingua e doloranti nel resto del cavo orale, alterazione del gusto, screpolature e ulcerazioni agli angoli della bocca, arrossamento all’interno della bocca e difficoltà di deglutizione.

Come eliminare i batteri della lingua?

Il modo più efficace per eliminare i batteri della lingua è utilizzare periodicamente, se non quotidianamente, il pulisci lingua o raschietto linguale. Non dovete fare altro che passarlo sulla lingua dopo l’igiene, in modo da rimuovere eventuali batteri. Una sola raccomandazione: usatelo delicatamente, senza fare pressione.