boswellia resina
(Shutterstock.com)

Quali sono le proprietà della boswellia? Scopriamole tutte, insieme agli usi e ad eventuali controindicazioni da tenere bene a mente.

Resina estratta dalla pianta Boswellia serrata, la boswellia vanta proprietà che vale la pena conoscere. Ricca di acidi boswellici, olio essenziale e polisaccaridi, questa gommoresina è un efficace antinfiammatorio e analgesico nei riguardi di tutte le patologie che coinvolgono l’apparato muscolo-scheletrico. Pertanto, il primo e più importante campo d’impiego della boswellia è quello del sistema osteoarticolare. E’ particolarmente efficace per combattere l’artrite, l’artrosi e l’artrite reumatoide. In casi di questo tipo, aiuta a ridurre il gonfiore e il dolore e a migliorare la mobilità delle articolazioni.

La boswellia, inoltre, è indicata per contrastare: infiammazioni locali, disturbi degenerativi delle articolazioni, ridotte capacità motorie mattutine, dolori muscolari, reumatismi, artrosi e infiammazioni dei tessuti molli, come tendiniti, miositi e fibromialgia. Non solo, questa resina speciale è impiegata per ridurre i sintomi dell’asma, della tosse e del raffreddore e per combattere diverse problematiche della pelle, come dermatiti e psoriasi. Infine, sul piano psicofisico, è utilizzata come incenso per indurre il rilassamento e la meditazione e favorire la respirazione.

boswellia resina ciotola
(Shutterstock.com)

Boswellia: usi e controindicazioni

La boswellia può essere utilizzata sia internamente che esternamente. In commercio si trova sotto forma di gommo-resina, estratto secco, tintura madre, olio essenziale e pomata. Ovviamente, il prodotto si sceglie in base al beneficio terapeutico che si vuole ottenere. Per quel che riguarda la posologia, fate riferimento alle indicazioni dell’erborista o del farmacista di fiducia.

Infine, sul piano delle controindicazioni non sono da segnalare grandi effetti collaterali. Raramente può provocare reazioni allergiche o disturbi gastrointestinali. In ogni modo, è sconsigliato il consumo alle donne in gravidanza e allattamento e alle persone asmatiche che assumono particolari terapie farmacologiche.