bistorta fiori pianta
(Shutterstock.com)

Quali sono le proprietà della bistorta? Scopriamole tutte, insieme ad usi ed eventuali controindicazioni da tenere bene a mente.

La bistorta, il cui nome tecnico è Polygonum Bistorta, è una piccola pianta che vanta proprietà che vale la pena conoscere. I suoi steli somigliano a tanti nodi, mentre il rizoma appare più volte ripiegato su se stesso, come a formare una U. Considerata un vero e proprio antinfiammatorio naturale, è consigliata per con contrastare tutte le infiammazioni che riguardano la bocca e la gola. Si possono preparare infusi o decotti miracolosi utilizzando le foglioline oppure il rizoma. La bevanda, poi, si può usare anche come collutorio oppure per fare i gargarismi. Quando il mal di gola è particolarmente forte, si possono aggiungere un po’ di tormentilla e qualche goccia di tintura di propoli. Otterrete un trattamento strong che vi farà provare un sollievo immediato.

Le sue proprietà, ovviamente, non sono finite qui. La bistorta è particolarmente indicata per prevenire disturbi circolatori, perché è considerata un vasocostrittore naturale, con azione a livello del microcircolo. In casi come questi, la posologia consigliata, sotto forma di tintura madre, è pari a venti/trenta gocce due volte al giorno. In presenza di emorroidi o vene varicose, aggiungete le gocce alle creme che utilizzate normalmente per contrastare la problematica in oggetto.

bistorta radice infuso
(Shutterstock.com)

Bistorta: usi e controindicazioni

Un composto molto efficace per combattere le infezioni e le infiammazioni di intestino e utero prevede l’aggiunta di polvere di radice di bistorta ad un vasetto di miele di eucalipto o di timo. Assumetene un cucchiaino due o tre volte al giorno. Qualcuno utilizza questo rimedio anche per scongiurare emorragie uterine post gravidanza oppure in pre menopausa. Non dimenticate che questa pianta è ottima se mangiata in insalata. Non dovete fare alto che raccogliere le foglioline quando vi ritrovate a passeggiare in aperta campagna, dove cresce spontanea. In alternativa, potreste trovarle in vendita soltanto nei mercati contadini.