(Shutterstock.com)

Sano, ecologico e sostenibile è un nuovo modo di fare vacanza alla scoperta delle moltissime aziende italiane che producono miele

La nuova frontiera del turismo sostenibile è l’apiturismo. Sano, ecologico e sostenibile, è un nuovo modo di fare vacanza alla scoperta delle moltissime aziende d’Italia che producono miele. Questo nuovo interesse degli italiani è emerso dalla ricerca “Italiani e miele: immagine, acquisto e consumo”, organizzata a Montelupone da ApiMarche 2022, storica manifestazione degli apicoltori marchigiani.

I numeri dei consumatori

Questa nuova forma di turismo sostenibile registra dei numeri molto importanti nel settore del consumo. Il 7% di chi va in vacanza ha acquistato almeno una volta il miele, mentre il 13% dei consumatori abituali lo acquista ogni volta che va in vacanza. Il 70% preferisce comprare direttamente dagli apicoltori e produttori locali e 9 consumatori su 10 vorrebbero un maggior contatto con gli stessi.

A chi piace il miele

I veri appassionati di miele, secondo le statistiche, sono soprattutto gli uomini tra i 50 e i 65 anni. Il 36% fa turismo sostenibile scegliendo vacanze mirate alla ricerca di aziende produttrici di miele. La principale caratteristica di una vacanza apituristica infatti, è avere un contatto diretto con la natura mentre chi non conosce questa tendenza è spinto dalla curiosità di effettuare nuove esperienze. Il 90% delle persone intervistate consuma abitualmente miele a colazione. Il 63% chiede anche una maggiore protezione delle api, mentre il 24% ritiene importante far conoscere il mondo del miele, informando e sensibilizzando i consumatori.

Le città del miele

Un ruolo importante per la conoscenza e la diffusione del mondo delle api lo rivestono le Città del Miele, che ogni anno promuovono l’agenda “Andar per miele”, con 21 appuntamenti in 17 città di 12 regioni italiane. Anche la Fao, l’organizzazione delle Nazioni unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ha riconosciuto il ruolo fondamentale che l’associazione riveste nel promuovere il miele, con eventi e luoghi da scoprire. Grazie a questa associazione infatti, è possibile viaggiare tra feste, sagre, fiere e incontri per degustare e conoscere i prodotti dell’alveare e le ricette locali di oltre 60 tipologie di miele.