aloe vera
(Shutterstock.com)

Qual è la differenza tra aloe vera e aloe arborescens? Scopriamola insieme e vediamo come riconoscerle una volta per tutte.

L’aloe è un genere di piante che comprende oltre 500 specie. Tra queste, quelle più conosciute e utilizzate ci sono l’aloe vera e l’aloe arborescens. Entrambe sono utilizzate sia come piante ornamentali che come rimedio naturale. Sono molti a pensare che le due specie siano la stessa cosa, ma così non è. La prima differenza, che dovrebbe saltare subito agli occhi, sta nel colore dei fiori e nella forma della pianta. L’aloe vera presenta fiori che vanno dal giallo al rosso e una forma che si sviluppa come un cespo, mentre l’aloe arborescens ha i fiori solo rossi e un fusto centrale piuttosto legnoso, con crescita delle foglie alternata. Non solo, la vera ha una radice di partenza ben visibile, mentre l’altra no.

Per quanto concerne le foglie, l’aloe vera le ha lunghe dai 60 ai 90 centimetri e larghe 8 centimetri, con un peso tra l’uno e i due chili. L’aloe arborescens, invece, ha foglie filiformi lunghe tra i 50 e i 60 centimetri e un peso dai 10 ai 100 grammi. Le differenze non sono finite qui. L’arborescens presenta sia fiori maschili che femminili, ma si riproduce solo per impollinazione incrociata, mentre la vera per divisione dei pollini, che si formano alla base della pianta oppure per seme.

aloe arborescens
(Shutterstock.com)

Aloe vera e aloe arborescens: la differenza sta anche nei principi attivi

La differenza tra l’aloe vera e l’aloe arborescens non sta solo nella ‘forma’, ma anche nei principi attivi. L’arborescens ne contiene di più e, se ingerita, dà maggiori benefici. La vera, invece, ha meno principi attivi e viene impiegata maggiormente per uso esterno. In ogni modo, entrambe sono parecchio efficaci se utilizzate per il trattamento di disturbi sia interni che esterni. Un’altra precisazione è d’obbligo: una costa più dell’altra. Il motivo? Semplice, la vera si riproduce più facilmente.

Considerando che l’aloe arborescens è meno diffusa, è bene sottolineare che viene utilizzata sia per la preparazione di prodotti da ingerire che cosmetici. Lassativa, cicatrizzante, lenitiva e protettiva dai raggi solari, si può assumere sotto forma di succo o di capsule.