I protagonisti di "Và sentiero"

Una camminata lunga 3 anni e 7.000 km, scanditi in 365 tappe: emblema del turismo sostenibile

Quando il turismo sostenibile diventa una “missione”. Si concluderà sabato, a Messina, il trekking lungo 3 anni e oltre 7.000 km. intrapreso dal giovane team di “Va’ Sentiero”, composto da 2 ragazze e 5 ragazzi, che si sono spesi in una spedizione ambientale e culturale unica nel suo genere. L’obiettivo è stato quello di promuovere il sentiero più lungo del mondo e documentare professionalmente le montagne di tutta Italia con un format originale, dalle Alpi agli Appennini alle Isole.

Il cammino a piedi è iniziato nel maggio del 2019 a Muggia, nel Golfo di Trieste, e seguendo le tracce del Sentiero Italia, definito dalla CNN “il più grande dei grandi cammini”, ha attraversato 20 regioni italiane per 7.780 km complessivi, scanditi in 365 tappe, toccando 16 parchi nazionali e centinaia di piccoli borghi montani, con migliaia di persone che si sono unite al team Va’ Sentiero, in stile Forrest Gump.

I sette ragazzi sbarcheranno a Messina, dopo aver concluso a Reggio Calabria l’ultima tappa della spedizione sul Sentiero Italia. Chiunque volesse prendere parte agli ultimi simbolici chilometri di cammino di Va’ Sentiero, il ritrovo è fissato alle 14.30 di sabato, di fronte alla Chiesa di Gesù e Maria del Buon Viaggio. Da qui si percorreranno 6 km, in circa due ore di marcia. A Forte San Jachiddu, alle 17, il Comune di Messina accoglierà il gruppo di camminatori con un saluto dell’assessore al Turismo e alla Cultura Vincenzo Caruso, cui seguirà un intervento da parte del giovane team di esploratori, a commento della loro grande avventura.

La spedizione sperimentale e la guida di Va’ Sentiero nascono dal sogno dei tre fondatori Yuri Basilicò, Sara Furlanetto e Giacomo Riccobono, i quali hanno costruito un vero e proprio team per svolgere sia la spedizione che l’enorme attività documentativa. Questo sogno è diventato realtà grazie al decisivo contributo di sponsor e sostenitori che hanno partecipato alle campagne di crowdfunding. Il sito e la guida digitale www.vasentiero.org sono stati realizzati gratuitamente dalla web agency 150up, che ha sposato la mission di Va’ Sentiero, e con il contributo tecnico della piattaforma cartografica digitale Outdooractive che ha fornito le mappe professionali interattive.

Và sentiero approda in TV

Il viaggio a passo lento di Va’ Sentiero è arrivato anche in tv con la serie “Va’ Sentiero – L’Italia a piedi”, una produzione originale laF realizzata da Ascent Film. Otto episodi in tutto, ciascuno focalizzato su una differente Regione, in onda su laF (canale 135 di Sky). I primi episodi sono già disponibili su SkyGo e in streaming su NOW.

La mission

Lo scopo del viaggio è duplice: da una parte, promuovere il Sentiero Italia, favorendo la consapevolezza ambientale e il turismo lento, responsabile e sostenibile; dall’altra, valorizzare le Terre Alte attraversate, rispettando le peculiarità locali ed ambientali, contribuendo a sostenere il tessuto socio-economico di aree interne in via di spopolamento.

Per questo il progetto è basato sull’idea di condivisione: una condivisione digitale attraverso il racconto in tempo reale dei social e i media, ma anche una condivisione fisica, grazie al format partecipativo della spedizione che sarà ripreso al termine dell’emergenza sanitaria, in tutta sicurezza. Il progetto ha riscontrato sin dal principio un significativo successo di pubblico, sia sul fronte digitale che su quello fisico: a 9 mesi dal lancio dalla presentazione del progetto, la community conta oltre 60K followers ed è significativa anche la continua affluenza di camminatori: oltre 1.500 in questi primi 7 mesi (in media, più di 7 compagni di viaggio al giorno).

Il team

Il team di Va’ Sentiero è composto da sette giovani camminatori: il fondatore Yuri Basilicò, 34enne specializzato in Relazioni internazionali, guida del team sul sentiero e coordinatore del progetto; la cofondatrice Sara Furlanetto, 28 anni, specializzata in Fotogiornalismo e Documentaristica, fotografa e responsabile della comunicazione; il cofondatore Giacomo Riccobono, 29 anni, specializzato in Marketing, ufficiale logistico della spedizione; Andrea Buonpane, 31 anni, videomaker; Francesco Sabatini, 31 anni, filosofo, cambusiere e responsabile della ricerca culturale; Martina Stanga, 26 anni, specializzata in Economia e social media manager; Diego Marmi, 28 anni, graphic designer. A supportare il team in cammino, come autista tuttofare, c’è Giovanni Tieppo, classe 1950.