Palazzo Farnese, Caprarola (Shutterstock.com)

Un viaggio ecosostenibile nel Lazio meno conosciuto dove ci si può spostare anche solo con i mezzi pubblici

Come annunciato nell’articolo “Alla scoperta dell’Italia sconosciuta con i mezzi pubblici? In Tuscia si può”, vi accompagneremo in Tuscia, nella Lazio meno conosciuta, alla scoperta degli etruschi, che proprio in questa parte d’Italia vissero fino al IV secolo a.C. La particolarità di questa zona è dettata dal fatto che non esiste il turismo di massa e quindi si può trascorrere non solo una vacanza tranquilla, ma anche sostenibile, dal momento che tra le altre cose è possibile muoversi anche solo utilizzando i mezzi pubblici. La settima tappa di questo tour è Caprarola.

Caprarola

Caprarola, altro gioiello del Viterbese, a poca distanza dal Lago di Vico, con i suoi vicoli caratteristici tra Medioevo e Rinascimento, saliscendi, sottopassi, ponti, scale e volte buie, è senza dubbio uno dei borghi più belli d’Italia.

Luoghi d’interesse

Ciò che bisogna assolutamente visitare a Caprarola è senza dubbio palazzo Farnese, che si trova alla fine del lungo corso in salita che costituisce di fatto il paese. Il panorama che si gode dal palazzo è notevole. Si tratta di una architettura manierista realizzata a metà del 1500 per la famiglia Farnese. Tutto, sia all’interno che all’esterno di questo sontuoso palazzo, è perfetto: il cortile circolare, le stanze tutte affrescate, la scala elicoidale, i giardini, le fontane, il parco immenso.

Difficile scegliere tra le stanze la più bella e suggestiva, ma molti rimangono affascinati da quella denominata “Sala del mappamondo”, sulle cui pareti sono rappresentate le quattro parti del mondo, mentre nella spettacolare volta con la mappa del cielo è raffigurato lo zodiaco e i dodici segni con animali fantastici e mitologici ripresi dall’astronomia antica.

Da visitare fino in fondo è il parco. Qui, seguendo il viale, è possibile raggiungere un’altra zona spettacolare fatta di fontane, giochi d’acqua e statue tutte diverse. Ma tutto il resto del borgo di Caprarola vale una visita: molto bella è la chiesa di Santa Teresa, la cui imponente facciata, arroccata sulla rupe di tufo proprio di fronte alla facciata sud di palazzo Farnese, si staglia sul verde intenso della collina.