Colli Euganei (Shutterstock.com)

Lifegate ha scelto le migliori cinque località per trascorrere un week end da scoprire a piedi ma anche in bicicletta

Colli Euganei si stagliano nel cuore della pianura veneta con i loro inconfondibili volumi conici. La geometria quasi perfetta è il formidabile risultato di fenomeni vulcanici risalenti a oltre 40 milioni di anni fa. Si tratta di un comprensorio montuoso costituito da circa un centinaio di rilievi la cui altezza non supera mai i 600 metri. La peculiare storia geologica ha reso possibile la formazione di una straordinaria biodiversità botanica e faunistica, che a partire dal 1989 si è deciso di salvaguardare istituendo il primo Parco regionale del Veneto. 

Incantevoli angoli di natura incontaminata e pittoreschi borghi storici si susseguono lungo i molteplici itinerari che si possono percorrere all’interno del Parco. A rendere ancora più appagante e stimolante il soggiorno sui Colli Euganei sono le eccellenze enogastronomiche locali, dal pregiatissimo vino alle esclusive specialità culinarie che si possono gustare nei numerosi ristoranti, trattorie, agriturismi e cantine.

La testata giornalistica LifeGate ha messo a punto un tour, facilmente percorribile anche in bicicletta, per visitare alcuni dei luoghi più belli della zona, dove ammirare castelli, abbazie, giardini e ville, in modo assolutamente sostenibile. È infatti possibile raggiungere la zona in treno (le stazioni più vicine sono quelle di Montegrotto Terme, Este o Monselice) e poi una volta giunti sul posto noleggiare una bici, oppure seguire uno dei numerosi sentieri a piedi. Le località scelte da LifeGate sono Teolo, Battaglia Terme, Valsanzibio, Luvigliano e il pianoro del Mottolone.

Leggi anche:

Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Teolo
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Battaglia Terme
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Valsanzibio
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Luvigliano
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Pianoro del Mottolone