Abbazia di Praglia (Shutterstock.com)

Lifegate ha scelto le migliori cinque località per trascorrere un week end da scoprire a piedi ma anche in bicicletta

Colli Euganei si stagliano nel cuore della pianura veneta con i loro inconfondibili volumi conici. La geometria quasi perfetta è il formidabile risultato di fenomeni vulcanici risalenti a oltre 40 milioni di anni fa. Si tratta di un comprensorio montuoso costituito da circa un centinaio di rilievi la cui altezza non supera mai i 600 metri.

La testata giornalistica LifeGate ha messo a punto un tour, facilmente percorribile anche in bicicletta, per visitare alcuni dei luoghi più belli della zona, dove ammirare castelli, abbazie, giardini e ville, in modo assolutamente sostenibile. Le località scelte sono: Teolo, Battaglia Terme, Valsanzibio, Luvigliano e il pianoro del Mottolone.

Teolo: Abbazia di Praglia

La prima tappa è Teolo, vicino ad Abano Terme dove sorge l’abbazia di Praglia, fondata tra l’XI e il XII secolo che oggi ospita i frati benedettini. Tutt’intorno questa struttura si estendono vigneti che producono il vino in vendita nel negozio del monastero. L’intero complesso è visitabile, ma ad attirare l’attenzione è la chiesa abbaziale di Santa Maria Assunta, con la sua facciata dalla foggia insolita e armoniosa e una bella cupola affrescata.

Il monastero si divide in quattro chiostri: doppio, detto anche della clausura, botanico, pensile e rustico, che è possibile ammirare durante una delle visite guidate offerte dai frati. All’interno si trova anche un laboratorio di restauro dei libri antichi, dove sono stati rimessi in sesto i libri rovinati dall’alluvione di Firenze, e la suggestiva biblioteca monumentale che ospita il fondo Fogazzaro.

Leggi anche:

Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Battaglia Terme
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Valsanzibio
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Luvigliano
Alla scoperta dei Colli Euganei, 5 tappe sostenibili: Pianoro del Mottolone