(shutterstock.com)

Un esempio virtuoso del riciclo di alberi di natale, in North Carolina, dove vengono usati per ricostituire la costa

Tra i vari interventi di riciclaggio degli alberi di natale spicca quello tenutosi in North Carolina, a Cape Fear, dove le piante vengono usate per ricostituire le dune costiere.

L’intervento

L’intervento è realtà grazie alla Fondazione Surfrider, una rete di ambientalisti presente in tutti gli Stati Uniti nata per proteggere il mare e gli ambienti costieri. Nella manifestazione organizzata dall’ente in questione, centinaia di alberi di natale sono stati piantati sulla sabbia, con risultati positivi ottenuti nel breve termine: dopo averli sistemati, l’azione del vento soffia la sabbia attraverso i rami che gradualmente si ricoprono e si trasformano in nuove dune, proteggendo la costa dall’erosione.

Le parole di un membro della fondazione

“Gli effetti dell’erosione costiera e degli uragani sui nostri litorali sono sotto i nostri occhi. Le dune costiere sono la nostra prima linea di difesa contro le mareggiate e l’innalzamento del livello del mare. Non possiamo lasciare che il sistema dunale sparisca […] Alla gente locale che lavora e studia altrove piace ritornare a casa d’estate e, quando sono seduta sulla spiaggia, possono guardarsi attorno ed esclamare entusiasti “è proprio li che messo il mio albero di Natale”. Si crea un certo senso di proprietà e appartenenza” dichiara Ethan Crouch, membro locale della fondazione.