Borgo Universo
https://www.facebook.com/borgouniverso/photos/a.751900274992227/1860168660832044

Street art nel cuore dell’Appennino abruzzese: Borgo Universo.

Aielli è un paesino in provincia dell’Aquila, che sorge ad un’altitudine di 1030 mt. Questo lo rende uno dei centri più elevati della Marsica. Il paese è adagiato su uno sperone roccioso calcareo la cui posizione, dominante e strategica, ne ha fatto in epoca romana e medievale un luogo idoneo per la difesa del territorio e l’osservazione delle vie di comunicazione.

Simbolo del paesino è proprio la Torre delle stelle, edificata nel 1353, divenuta in seguito un osservatorio astronomico molto importante da cui si possono osservare luna e pianeti.

Dal 1800 infatti il nome di Aielli è legato all’astronomia. Qui nacque Filippo Angelitti, un grande astronomo a cui è stata dedicata la sala polivalente situata a ridosso della torre medievale, la piazza centrale del paese con un monumento che riproduce in scala ridotta il sistema solare

Aielli è famosa anche per i suoi murales che raccontano del suo legame con il cielo e le stelle.

E’ una galleria a cielo aperto, un museo più che esclusivo. Tra i murales, oltre al legame con l’astronomia, ci sono i opere che raccontano del lavoro rurale e del terremoto del 1915.

Ogni anno, dal 2017, tra luglio e agosto, si svolge il Festival di Street Art denominato Borgo Universo  che accoglie famosi artisti da tutto il mondo tra cui Okuda San Miguel, Ericailcane, Gio pistone, Sam 3, Alleg, Guerrilla Spam e Matlakas 

Si tratta di 4 settimane di street art, performance, musica, teatro, mostre, osservazioni astronomiche, presentazione di libri, laboratori, escursioni e tanto altro.

Il festival ha l’obiettivo di rivalutare e rilanciare il paese attraverso l’arte, le stelle e la terra.

Tra le opere murarie spiccano per importanza: il murale di Fontamara un’opera titanica, l’intero libro di Ignazio Silone riprodotto su una parete, unico caso in Italia e l’opera di Okuda San Miguel, un’esplosione di colori che accoglie i turisti in uno degli ingressi del borgo.