donna mal di testa
(Shutterstock.com)

Avete mai usato l’aceto per il mal di testa? Ecco tutto quello che c’è da sapere su un vecchio e prezioso rimedio naturale.

Se soffrite spesso di mal di testa dovete assolutamente provare un rimedio naturale antichissimo, che prevede l’utilizzo dell’aceto. A prescindere dalla causa della cefalea – dal ciclo mestruale ai dolori cervicali, passando per lo stress – il dolore può essere più o meno intenso, transitorio o frequente. Oltre a chiedere il parere del medico, per comprendere bene il fattore scatenante, si può ricorrere ad uno dei più vecchi consigli della nonna. Procuratevi un po’ d’aceto, dell’acqua e del rosmarino in polvere.

L’aceto vanta grandi proprietà. E’ un ottimo antinfiammatorio, nonché un diuretico e un battericida. Quando si presenta il mal di testa, specialmente se dovuto alla febbre, non dovete fare altro che applicare sulla fronte o sulle tempie una garza o un panno di cotone imbevuto del liquido in oggetto. In alternativa, mettete due gocce di aceto in un vaporizzatore. In alternativa, fate i suffumigi. Il composto, però, ha bisogno di 3 settimane di macerazione, per cui è consigliato prepararlo in precedenza per averlo sempre a portata di mano. Mettete 50 grammi di polvere di rosmarino in mezzo litro di aceto e mescolate bene. Trasferite in un barattolo con chiusura ermetica e lasciate riposare per 21 giorni. Soltanto dopo il tempo di posa può essere usato per i fumenti.

donna suffumigi asciugamano
(shutterstock.com/New Africa)

Aceto per il mal di testa: ci sono controindicazioni?

L’aceto per il mal di testa non presenta grandi controindicazioni. Ricordate, però, che si tratta sempre di una sostanza acida che può creare problematiche a quanti soffrono di reflusso gastroesofageo o gastrite. Pertanto, pazienti di questo tipo lo devono utilizzare con una certa cautela. Inoltre, se la cefalea è persistente, quindi non transitoria, e troppo forte è bene rivolgersi al proprio medico per avere una diagnosi.