aceto di mele bicchiere
(Shutterstock.com)

L’aceto di mele fa dimagrire? Vediamo se è vero o si tratta della solita leggenda metropolitana priva do fondamento.

L’aceto di mele vanta tante proprietà. Qualcuno lo usa solo come condimento, mentre altri come rimedio naturale per combattere diverse problematiche, come il mal di testa. Tra i tanti pregi sembra che questo alimento consenta anche di perdere peso. Secondo alcune ricerche, assumendolo quotidianamente si può dimagrire: è vero oppure si tratta di una semplice leggenda metropolitana?

I fautori dell’aceto di mele come rimedio naturale per buttare via i chili di troppo fanno notare che questo beneficio è dato dall’acido acetico, suo principale componente attivo. Sarebbe lui il responsabile della perdita di peso, della riduzione del grasso corporeo e dei livelli di zucchero nel sangue e della depurazione dell’organismo. In effetti, questo alimento vanta davvero le virtù citate, ma non è in grado di fare miracoli. E’ un integratore ottimo per le persone che seguono una dieta, ma se isolato da un regime alimentare sano e bilanciato è pressoché inutile.

Aceto di mele
(Shutterstock.com/5 second Studio)

Come consumare l’aceto di mele per dimagrire?

Affinché l’aceto di mele apporti i benefici elencati sopra è bene introdurlo all’interno di una dieta sana ed equilibrata. Per dimagrire è consigliato consumarlo quotidianamente, nella quantità di quattro cucchiaini al giorno, due a pranzo e altrettanti a cena. Potete scegliere di assumerlo prima dei pasti, diluito in un bicchiere d’acqua, oppure come condimento alle insalate, sia crude che cotte. Volendo si può usare anche con spinaci, cavolfiori e fagiolini.

In alternativa, l’aceto di mele si può utilizzare come ingrediente durante la cottura, se in acqua 100 ml ogni litro d’acqua, o in sostituzione del vino bianco per cuocere la carne. Infine, potete impiegarlo per marinare le pietanze, dalle verdure al pesce, passando per la carne. Ribadiamo che questo alimento non è miracoloso e non consente di perdere peso se non associato ad una dieta equilibrata e ad una buona dose di attività fisica.