Al centro dell’iniziativa, che si terrà il 27 e 28 settembre, il percorso di adesione alla Cets dell’Area marina protetta

Quattro anni fa, l’Area marina protetta di Porto Cesareo scelse di compiere un percorso di c0nsapevolezza del territorio che la portò ad approdare alla certificazione Cets (Carta europea del turismo sostenibile). Un processo di adesione molto importante che verrà analizzato in una due giorni organizzata dalla stessa Area marina protetta, che si terrà il 27 e 28 settembre.

“A quattro anni dalla Cets: il percorso compiuto – Obiettivi raggiunti, difficoltà riscontrate”, è il tema del primo appuntamento, fissato per martedì 27, alle 10, al Museo di biologia marina di Porto Cesareo. “Verso il rinnovo della Cets -Progettiamo assieme la nuova strategia per il territorio” è invece il tema del forum che si svolgerà mercoledì 28, alle 10, al Castello di Nardò.

«Quattro anni fa l’Area marina protetta intraprese assieme a tutto il territorio, amministrazioni e operatori turistici, il percorso per la certificazione Cets. È stata fatta molta strada, e molto altro c’è ancora da fare – ha spiegato il presidente dell’Amp Pasquale Coppola -. Caso fortuito ha voluto che a ritirare la Cets il 29 novembre del 2018 sia stato proprio io nei panni di consigliere del Cda, oggi invece da presidente il mio impegno è maggiore per affermare questo obbiettivo così importante per il nostro territorio. L’Amp di Porto Cesareo ha così voluto organizzato questi due momenti di incontro, per confrontarsi su quanto realizzato e progettare ancora assieme un percorso con nuovi obiettivi di sostenibilità per migliorare la fruizione del nostro territorio».

Ai forum, moderati dalla giornalista Fabiana Pacella, interverranno il presidente Amp Pasquale Coppola; Paolo d’Ambrosio, direttore Amp; Luciana Muscogiuri, biologa marina responsabile Cets di Porto Cesareo e Corrado Teofili, responsabile biodiversità e conservazione di Federparchi. Chiuderanno i lavori gli operatori turistici.