branding
(shutterstock.com)

Un percorso lungo vent’anni e destinato a scovare altre viuzze che conducano verso nuove destinazioni: ecco Paola e il branding marketing

Branding e marketing fa rima con Paola Toini che dal 1998, quando dopo il diploma ha deciso di lavorare in agenzia per pagarsi gli studi all’Università e da lì sono trascorsi più di vent’anni. 
Nel 2002 arriva anche lo sbocco sul web fin quando, nel 2014, il salto verso la libera professione l’ha spinta a lavorare oggi con aziende, locali, liberi professionisti e tutti coloro che desiderano fare un’immersione concreta nel mondo del branding. 

Esorto a guardare la comunicazione e il personal branding da una nuova prospettiva, a tratti contemporanea e a tratti antica. Vedo la comunicazione come uno strumento che aiuta a condividere valore ed essenza: deve arrivare forte e chiara al punto, senza troppi fronzoli. Deve esser chiara, sintetica, organizzata. Forse per quello mi dicono che “da brava bergamasca sono come un capo cantiere!”

La sua essenza ha preso vita nel Brand Camp, un percorso formativo ideato e voluto proprio come un camp sportivo. Si tratta di un mix di esperienze, tecniche, praticità, essenza e realismo poiché il miglioramento passa sempre dallo studio e dalla teoria, ma senza pratica diventa difficile applicarlo. 

L’idea del Brand Camp è nata diverso tempo fa, ma è maturata solo nel 2020, in piena pandemia. 
Per questo la prima edizione è stata online e ha avuto davvero un grande riscontro: la formula è piaciuta, e il merito va anche a tutti gli altri relatori coinvolti con cui siamo riusciti a fare una bella squadra, in grado di coinvolgere e raccontare anche a distanza un modo diverso di fare branding.

2021, novità branding all’orizzonte

branding
Branding (Paola Toini /paolatoini.it)

L’edizione live, però, è saltata causa seconda ondata di covid ma guai a darsi per vinti: il 2021 sarà la casa di una nuova formula ri-adattata al periodo. Si parte l’8 maggio e per cinque sabati consecutivi; gli iscritti seguiranno due webinar a settimana tenuti da professionisti riconosciuti e competenti ognuno nella loro materia.

Silvia Ancordi ci parlerà di formazione, crescita personale e professionale; Paola Nosari ci porterà a guardare nei numeri del nostro modello di business, e tratterà le questioni cruciali di investimento e scalabilità. Ci sarà l’esperta di SEO e indicizzazione Francesca Sparaco, Elena Colombo a trattare l’argomento immagine e comunicazione non verbale; Carlotta Favaron a definire tip e trick per avere una fotografia di branding che catturi e Marco De Domenico insegnerà l’uso della voce per la comunicazione”. 

E per la pratica? Paola nonostante la sua concretezza non abbandona sogni e speranze.
La pratica l’ho lasciata come ultimo appuntamento perché io ci spero ancora di poterla realizzare come l’ho pensata: vivo a Bergamo e Bergamo sarà per la prima volta vissuta a piedi, a caccia dei migliori esempi di branding che abbiamo in città. Faremo una passeggiata a piedi, un workshop esperienziale che concluderemo in Città Alta, in uno dei suoi splendidi locali”.

Leggi anche –> Ago, filo, carta e…Luphilia: l’arte di Luciana che cura sé e gli altri