zurigo

Il 2021 è cominciato con i migliori auspici per sconfiggere la pandemia e con questa speranza si riaccende la voglia di viaggiare. Tra musei tradizionali, grandi novità, e chicche introvabili, Zurigo mette al centro le donne

Arte, cultura e tradizioni sono nutrimento per la mente e lo spirito, e questo periodo travagliato ce lo ha ulteriormente insegnato. Per riscoprire questi piaceri, è sufficiente alzare lo sguardo verso un paese a cui moltissimi italiani sono affezionati: la Svizzera, e in particolare la sua perla, Zurigo. La città si prepara ad accogliere nuovamente i turisti italiani per una stagione 2021 che sarà all’insegna di numerose novità. Zurigo ha davvero molto da offrire in tema di arte, cultura e divertimento: con più di 50 musei e 100 gallerie d’arte è la meta ideale per soddisfare i desideri degli italiani che hanno voglia di tornare a viaggiare e fare nuove scoperte.

Uno dei pilastri culturali della città è sicuramente il Museo nazionale svizzero, situato accanto alla Stazione Centrale di Zurigo, le cui sale ospitano la collezione storico-culturale più grande della Svizzera. Oltre a questa, sono presenti 4 mostre temporanee, tra cui “Donne. Diritti – Dal secolo dei Lumi ai giorni nostri” aperta fino al 18 luglio, proprio nell’anno del cinquantesimo anniversario dell’introduzione del suffragio femminile in Svizzera. Raccontando i 200 anni di cammino per la conquista dei diritti civili e politici delle donne in questo paese, il percorso espositivo dà voce a una storia universale che appartiene a donne e uomini di tutto il mondo.

Come a coronare la narrazione sul valore della rappresentanza femminile, la grande novità del Museo nazionale svizzero per questo 2021 è rappresentata proprio da una donna, curatrice tra l’altro della Mostra “Donne.Diritti”. Da aprile infatti Denise Tonella sarà la nuova direttrice del Museo. È anche con simili iniziative che un Museo dà il proprio contributo a rimarcare l’importanza che i generi siano egualmente rappresentati nella storia e nella società.

Leggi anche –> Boutique Anton: gioielli homemade, una questione di cuore e famiglia