boutique anton
Antonella e Jessica - Boutique Anton (facebook.com/boutique.anton)

Ci vuole coraggio nel seguire le proprie passioni, ci vuole fantasia e creatività nel dare vita a Boutique Anton, il mondo di Antonella e Jessica

Se la forza di una donna è davvero ineguagliabile, due riescono a creare uragani, e se questi due “uragani” sono madre e figlia, è perché allora oltre la forza c’è anche qualcosa di magico: ecco boutique Anton.

Da un lato l’anima creativa di Jessica, affabile ricercatrice di nuovi stili e materiali, innamorata dello stile parigini verso il quale orienta anche le sue creazioni, dall’altro mamma Antonella, ispiratrice del nome ma anche la parte più analitica del duo. In sostanza la fantasia al servizio del pragmatismo (e viceversa), il mix vincente capace di originare gioielli realizzati al 100% a mano.

Mamma, figlia, passione e fantasia: boutique Anton

boutique anton
Antonella e Jessica – Boutique Anton (facebook.com/boutique.anton)

Un’idea creativa frutto della passione per i bijoux che accomuna me e mia madre – afferma Jessica – la volontà di spaziare e di dar vita a qualcosa di nostro, che ci rappresenti a pieno, Boutique Anton è un po’ il nostro mondo che prende forma”.

Materiali di prima qualità, in prevalenza acciaio inossidabile, ma anche la ricerca continua di nuovi fornitori che possano suggerire creazioni sempre innovative, atte a soddisfare le aspettative di chi li crea e di chi li sceglie.

Non fermarsi e curare i dettagli sono l’imperativo per la Boutique Anton: “Nel lockdown abbiamo sperimentato nuove idee, semplici ma raffinate, come ad esempio l’introduzione di bigliettini utili ad avvicinare emittente e destinatario: tante volte i nostri gioielli vengono utilizzati per fare regali ma nell’ultimo anno è stato quasi impossibile che l’acquirente potesse consegnarli di persona al beneficiario, e così l’idea di introdurre pensierini scritti a mano che sopperissero un po’ alla mancanza di abbracci”.

Boutique Anton, sguardo al futuro

All’orizzonte tanti nuovi progetti: non mancherà, infatti, l’introduzione delle perline, dei colori e di nuovi bijoux che finiranno per ampliare l’offerta.

Ci piace variare, puntare su nuove soluzioni, personalizzare e creare ad hoc, ma ci piace anche sognare in grande: quello che vorremmo è che questa passione, nata poco meno di due anni fa, si trasformasse definitivamente nella nostra attività principale, avere le giornate intere da dedicare a ciò che più amiamo darebbe ossigeno ai nostri sacrifici, ma ci permetterebbe di mettere ancora più entusiasmo in ciò che amiamo fare”.