Patagonia
shutterstock.com

Tutti gli articoli del noto brand americano sono realizzati partendo da materiali riciclati

Chi non conosce Patagonia? Il famoso brand di abbigliamento tecnico sportivo è ormai noto in tutto il mondo e porta avanti da sempre una mission aziendale basata sulla sostenibilità ambientale e il riciclo dei materiali da utilizzare nella realizzazione degli articoli sportivi.

Un po’ di storia

L’azienda di abbigliamento tecnico outdoor super glam nasce nel 1973 a Ventura, in California, da Yvon Chouinard. Oggi è divenuto un marchio di fama internazionale anche per il suo impegno nel campo della difesa ambientale. Mr Chouinard, climber di fama mondiale, portando avanti il suo amore per la natura si è focalizzato sempre sulla creazione di articoli di alta qualità, prodotti in stabilimenti che condividono valori di ambientalismo e di integrità, rispettando i diritti dei suoi lavoratori.L’azienda conta centinaia di negozi in più di 10 Paesi, in 5 continenti. Le sue fabbriche si trovano in 16 Paesi.

Un marchio di moda ecostenbile

Patagonia si è affermata in tutto il mondo come brand specializzato nella vendita di articoli sportivi ecostonenbili. Un esempio per tutti sono i suoi piumini eco friendly che offrono una calda imbottitura costituita da piume 100% tracciabili e che sono realizzati evitando la terribile pratica della spiumatura delle oche, rimanendo comunque “super cool”.

Patagonia, quindi, usa solo materiali ecosostenibili come il cotone organico, il nylon proveniente da fibre di scarti post-industriali, il poliestere riciclato, la lana che deriva da allevamenti di pecore dove è garantito il benessere degli animali e i filati raccolti in aziende tessili.

Materiali che sono lavorati per la realizzazione di felpe, giacche, t-shirt, zaini, borse per uomo, donna e bambino/a dal design casual e innovativo, ma allo stesso tempo che non impatta sull’ambiente.

Le sfide di Patagonia

Da ormai 40 anni, Patagonia sostiene gruppi di base che lavorano per trovare soluzioni alla crisi ambientale. Dal sostegno ai giovani che lottano contro le trivellazioni petrolifere alla “Earth tax”, la tassa sul pianeta che Patagonia si autoimpone. “1% for the Planet” sostiene infatti le organizzazioni ambientali no profit che si battono per difendere l’aria, la terra e l’acqua in tutto il mondo.

In questo modo il noto brand americano è parte attiva sulle questioni ambientali più urgenti che il mondo sta affrontando.

Patagonia Action Works

Patagonia Action Works è un progetto che nasce proprio per questo scopo: mettere in contatto le persone con i beneficiari supportati da Patagonia, per agire sulle questioni più importanti e per la lotta al cambiamento climatico. Patagonia Action Works informa su eventi, petizioni e opportunità di volontariato qualificato e su come donare a sostegno di cause ambientali locali.

L’azienda infatti dà sovvenzioni alle organizzazioni che identificano le cause profonde dei problemi legati all’ambiente e che lavorano ad un cambiamento che sia a lungo termine.

“Scendi in campo subito”

Sul sito di Patagonia cliccando su “Scendi in campo subito“,potete trovare i tantissimi progetti in corso e in che modo entrare in contatto con i gruppi ambientalisti che si battono per un pianeta più “Green” e sostenuti da Patagonia.