(shutterstock.com)

A Dhaka il campus universitario green ispirato alle Sundarbans, la più grande foresta di mangrovie al mondo

Sul modello delle Sundarbans, la foresta di mangrovie più estesa del mondo, nascono le innovative soluzioni energetiche del nuovo campus della Brac University, l’università a Dhaka, in Bangladesh.

Il campus

Il campus si sviluppa su 45 metri in altezza e 88 mila metri quadrati di superficie. Firmato dallo studio Woha di Singapore, con la collaborazione di Transsolar KlimaEngineering, J.A. Architects, Webstructure e Ramboll Studio Dreiseitl, la struttura verrà completata entro il 2021, nel luogo un tempo occupato da una palude inquinata.

Le Sundarbans

Patrimonio UNESCO e preziosa eco-regione WWF, le Sundarbans si estendono su seimila chilometri quadrati lungo i delta dei fiumi Gange, Brahmaputra e Meghna, tra Bangladesh e India. La foresta è segnata da una fitta rete di vie d’acqua soggette a maree, distese fangose e piccole isole di mangrovie che si sono adattate all’acqua salata. E’ stato insomma il concetto di “ecosistemi separati” a fungere da ispirazione per i due distintivi spazio del campus, uno sopraelevato e l’altro al suolo. Quest’ultima fungerà da luogo di ritrovo e aggregazione per i 10 mila studenti dell’Università, mentre il tetto ospiterà una piscina e una pista da corsa.


Il clima sarà regolato in modo del tutto naturale: le temperature saranno infatti abbassate dal raffreddamento per evaporazione successivo alle forti piogge monsoniche, creando un microclima favorevole anche in una città torrida come Dhaka. I pannelli solari sulla parte superiore della struttura serviranno sia a ombreggiare l’area, sia ad alimentare i sistemi di raffreddamento e illuminazione.