Conad
shutterstock.com

Conad si propone di generare valore sociale, inteso come benessere condiviso e diffuso all’interno della comunità e dell’ambiente

Nel settore della grande distribuzione, la catena di supermercati Conad ha deciso di contribuire alla salvaguardia dell’ambiente ponendosi un prestigioso obiettivo: quello di eliminare totalmente la plastica per i suoi prodotti, partendo da bicchieri, stoviglie e cannucce. “Questo è il tempo della responsabilità. Abbiamo un compito, preciso: costruire sostenibilità economica, sociale e ambientale nel nostro Paese” così si legge sul sito web del noto supermercato italiano.

Oltre quindi al valore economico, Conad si propone di generare soprattutto valore sociale, inteso come benessere condiviso e diffuso all’interno della comunità. La sostenibilità per Conad parte, infatti, dal singolo e si diffonde nel contesto circostante, contaminandolo con le buone abitudini che la catena di supermercati ha avviato già da tempo.

Una società più equa ed inclusiva: le scelte di Conad

Nel suo ultimo bilancio di sostenibilità, Conad afferma di avere il dovere e la responsabilità di rivedere le proprie logiche produttive e distributive facendo la propria parte nel contrasto ai cambiamenti climatici e “nella realizzazione di una società più equa, inclusiva e sostenibile“.

Consapevole della propria posizione e della sua influenza sulla società derivante dalle proprie attività, Conad ha quindi assunto la sostenibilità come driver delle scelte strategiche di business, intraprendendo un percorso di definizione ed adeguamento delle politiche di sostenibilità.

Uno degli obiettivi che si è posto l’ipermercato è quello di avviare una transizione verso un governo delle tematiche di sostenibilità che guardi al futuro, con obiettivi e traguardi di medio-lungo periodo definiti, che sappia mettere a fattor comune le iniziative e linee di attività già intraprese o programmate.

La Fondazione

A guidare questa evoluzione anche la nascita di una Fondazione, che avrà il ruolo di sostenere in modo unitario e coerente le tante e diversificate azioni di sostenibilità ambientale, sostegno sociale, filantropia che Conad porta avanti e di ricercarne delle nuove. Il traguardo da raggiungere sarà quello di mettere al centro l’impegno per il bene comune, il supporto alle comunità, gli interventi in materia di ambiente e solidarietà e sicuramente la promozione di una cultura di sistema.

Come raggiungere tali obiettivi? Questo percorso già oggi si concretizza con l’adozione di modelli di gestione più sostenibili, studiando con i fornitori soluzioni più efficienti e proponendo ai consumatori stili di vita e di consumo più responsabili. È un obiettivo che può essere raggiunto partendo da diversi fronti: quello della logistica, prodotto a marchio del distributore e punti vendita, produzione e smaltimento dei rifiuti, valorizzazione delle eccellenze agroalimentari, attenzione ai piccoli fornitori locali, presidio e capillarità del territorio, centralità delle persone specialmente nel corso dell’ultimo anno segnato dall’emergenza sanitaria.

Un ambizioso progetto che mira alla crescita e al benessere delle comunità in cui Conad opera.

“Sosteniamo il futuro”: il nuovo progetto di Conad

“Sosteniamo il futuro” è la strategia di sostenibilità adottata in concreto da Conad che unisce e valorizza le tre dimensioni dell’agire sostenibile del noto marchio di supermercati e cioè:
– Ambiente e risorse;
– Persone e comunità;
– Imprese e territorio.

Questo percorso prevede investimenti in azioni concrete, con un piano di azione di oltre 40 progetti suddivisi in 6 differenti ambiti di lavoro:

  • prodotti a Marchio del Distributore (MDD): aspetto centrale nelle politiche di Conad in virtù del ruolo che ricoprono per l’intero sistema e per la possibilità di orientarne le scelte su aspetti chiave come il packaging, la gestione della filiera, certificazioni di prodotto, tracciabilità;
  • punti vendita: comportamenti sostenibili, materiali, risparmio energetico, qualità dei Pdv, consumo di acqua;
  • ambiente e risorse: lavoro etico, qualità dei prodotti, metodi di allevamento e coltura Supply Chain, riduzione degli impatti ambientali, efficientamento della logistica, ammodernamento della flotta;
  • persone e comunità: iniziative di solidarietà e sostegno alle fasce fragili della popolazione;
  • partnership sostenibili: attenzione allo spreco alimentare, iniziative di fidelizzazione ed educazione ad un consumo responsabile, impegno sociale.

Per saperne di più

Per seguire il progetto di Conad, potete visitare la sezione del sito web dedicata a “Sosteniamo il futuro”.