Il gruppo tedesco ha deciso di investire altri 500 milioni di euro nella creazione di gigafactory (ginger_polina_bublik / Shutterstock.com)

La casa automotive tedesca ha deciso di partecipare al finanziamento di alcune gigafactory in Europa, in collaborazione con altre aziende all’interno di una nuova società svedese.

Negli ultimi giorni c’è stata una corsa al finanziamento ad una delle più interessanti e promettenti aziende svedesi legate alla mobilità sostenibile. Stiamo parlando di Northvolt, un’azienda che ha come obiettivo quello di realizzare e produrre almeno 40 GWh di capacità produttiva annua entro il 2030.

Stiamo parlando di una quantità enorme di energia che dovrebbe essere prodotta ogni anno per soddisfare le richieste delle vetture elettriche.

Questa gigafactory andrà infatti a realizzare le batterie all’interno del territorio europeo e ha raccolto addirittura altri 2,75 miliardi di dollari tra diversi finanziatori.

Volkswagen ha deciso di investire ben 500 milioni di euro in questa società molto promettente. L’obiettivo è quello di diventare socia con importanti quote all’interno del mercato europeo delle batterie. Essa infatti attualmente detiene il 20% delle azioni di questa azienda.

In passato erano già stati investiti circa 900 milioni in questa azienda e ora l’investimento è stato aumentato.

Le prime batterie dovrebbero essere prodotte nel 2023. Nel 2025 inoltre si prevede di realizzare una seconda gigafactory sempre in Svezia e precisamente nella città di Salzgitter.

Ottenendo due sedi produttive, la capacità di realizzare batterie elettriche aumenta notevolmente e si riuscirà a soddisfare maggiormente la maggiore domanda da parte dei clienti negli anni futuri.

Volkswagen da parte sua, prevede di commissionare 6 fabbriche di celle in Europa entro il 2030 in collaborazione con gli altri partner del progetto.

Oltre alle 2 città di Skellefteå e Salzgitter, è infatti partita l’attività di ricerca dei migliori luoghi per il posizionamento delle altre quattro centrali produttive.

Complimenti a Volkswagen per essere sempre attenta a queste tematiche ambientali e per continuare l’espansione quanto mai importante della mobilità sostenibile