Campionato-trial-Grottammare
Uno dei veicoli 4x4 in gara alla doppia manche di trial disputata a Grottammare (Fonte Ufficio Stampa FIF)

A causa del coronavirus il campionato Italiano Trial ACI Sport by FIF si era aperto solamente il 6 Settembre con la gara di Castrocaro Terme a cui aveva fatto seguito Modena nell’ultimo weekend del mese


Per dare una svolta alla stagione la Federazione Italiana Fuoristrada ha poi pensato di comprimere due competizioni in un unico weekend, con il doppio appuntamento di Grottammare, dove si sono svolte la 3^ e 4^ gara valide di Campionato il 17 e 18 Ottobre.

Scenario di questa doppia sfida è stata una vecchia cava, che gli organizzatori della No Limits 4×4 Offroad Club hanno magistralmente trasformato in un eccellente percorso trial. E se il sabato è stata la pioggia a rendere il tracciato ancora più difficile e impegnativo, la domenica, per il secondo round, sole e terreno asciutto hanno consentito una guida più tecnica con passaggi spettacolari.

Andiamo per ordine in una sorta di film della gara, iniziando dal sabato e dalla categoria Original con un bel testa a testa tra Alessio Parisini e Davide Alfatti, che ha visto soccombere quest’ultimo a causa di un errore nel finale.

Grande rivalità anche nella categoria Standard con Giuseppe e Giovanni Galletti (su Suzuki Jimny) contro Giuseppe Chirco al volante di una Defender 90. Vittoria per i Galletti che mettono così una seria ipoteca per il titolo di categoria.

Nella Modified al duello tra Toselli e Casadei si è aggiunto Piana. Una gara equilibrata all’inizio, che si è poi decisa per qualche errore nelle prove più impegnative con il successo di Toselli su Casadei e Piana.

Nella categoria Pro-Modified sfida tutta romagnola tra Fiumana e Carattoni, che hanno continuato a offrire grande spettacolo e battaglie sempre equilibrate. Qualche errore e qualche penalità hanno però relegato Carattoni al secondo posto lasciando così la vittoria al rivale Fiumana.

Infine nella categoria Prototypes vittoria in solitaria per Claudio Brunetti navigato da Lucio Malvolti.

In un certo qual modo la gara di domenica ha confermato i valori in campo del giorno precedente. Grazie ad un bel successo il rokiee Alessio Parisini si è aggiudicato il titolo di Campione Italiano nella categoria Original. Nulla da fare per Alfatti che ha dovuto mollare per la rottura di un giunto della sua Defender 90.

La vittoria in questa seconda gara ha poi consacrato i fratelli Galletti campioni nella categoria Standard, soprattutto in virtù di una maggior costanza di prestazioni rispetto alla stagione precedente. Seconda posizione in gara e in campionato per Giuseppe Chirco, navigato da Claudio Signorelli.

Gara spettacolare e colpi di scena nella categoria Modified. Casadei si è prima ribalbato e poi ha rotto un semiasse, lasciando via libera a Toselli, costretto però a cedere la leadership a Piana per la rottura di un puntone. Come se non bastasse sul finale anche Piana si è ribaltato, consegnando così la vittoria a Melotti che ha guidato in modo pulito senza commettere errori. Grazie al secondo posto e ad un pizzico di fortuna Mario e Umberto Toselli hanno così conquistano il titolo tricolore.

Una superba prova di Fiumana e Pasini ha garantito loro la vittoria e il titolo nella categoria Pro-Modified nonostante la spettacolare opposizione di Carattoni. Terzo posto per Gianni Fava. Nella categoria Prototypes ancora una solitaria vittoria per Brunetti e Malvolti che hanno ovviamente conquistato il titolo 2020 di categoria.