(Shutterstock.com)

Il “Sentiero dei Tre Fiumi” collegherà alcuni Comuni piemontesi ad itinerari cicloturistici già esistenti

Il Comune di Acqui Terme prende parte al progetto “Biciclette nella Natura”. E’ stato firmato un protocollo d’intesa con l’Associazione Lande Bikerides, promotrice e ideatrice del progetto. Andrà a confluire trai Comuni che saranno attraversati dal “Sentiero dei Tre Fiumi“. Un percorso che collega l’Alto Monferrato, l’Appennino Ligure e la Langa Astigiana, immerso tra colline e calanchi solcati da corsi d’acqua.

L’obiettivo di “Biciclette nella Natura” è offrire una rete di sentieri locali, percorribili in poche ore o in una giornata nei singoli Comuni, collegati tra loro in modo da formare un itinerario più complesso. Il “Sentiero dei Tre Fiumi” sarà connesso con gli itinerari già esistenti. Il progetto si svolgerà in collaborazione con accompagnatori cicloturistici e associazioni di guide del territorio. Il territorio nel quale si snoda il “Sentiero dei Tre Fiumi” è di 120 Km naturalmente destinati alla bicicletta fuoristrada. Il progetto prevede il ripristino dei percorsi attraverso una pulizia stagionale, che include la rimozione di tronchi e rovi. Inoltre, sono compresi una segnalazione non invasiva e la creazione di tracce GPX e la realizzazione di pacchetti turistici in collaborazione con Tour Operator del settore.

Questo progetto sono certo susciterà un forte interesse – spiega il sindaco di Acqui Terme, Lorenzo Lucchini -. Credo possa essere una importante opportunità per realizzare un modello di turismo sostenibile. La sfida di costruire un’ampia sinergia con diversi attori pubblici e privati non può che creare un forte impulso per la crescita del turismo. L’incremento della domanda sul cicloturismo non fa altro che confermare la strada che abbiamo intrapreso per differenziare l’offerta turistica della città. Con questo progetto si potranno percorrere sentieri di grande fascino che attraverseranno paesaggi suggestivi, entrando inoltre in contatto anche con le eccellenze enogastronomiche del territorio“.