Foto: Scott

Questa bici è una bici con ruote uniche Pi Rope che si basano sui cerchi Syncros Capital 1.0 X40 e sui raggi in fibra di Vectran in colore rosa tinto personalizzato

Per una volta, un’ospite è stata invitata a costruire la sua bici da sogno personalizzata. Scott è fiera di presentare questa Contessa Addict gravel con design, idee specifiche, lavoro originale di rimozione della vernice e assemblaggio finale della bici da parte di Pernilla Eriksson, alias la Sig.ra Dangerholm. Le idee alla base di questo progetto erano di incoraggiare e ispirare le donne a scegliere la loro bici da sogno, e non solo una bici “abbastanza buona”, e di sostenerle nell’immergersi nella tecnologia e nella personalizzazione, imparando tutto ciò che riguardasse la loro bici e che potesse renderle più veloci e farle divertire di più.

Il risultato è una bici da 7,49 kg, pedali inclusi. La vernice originale si chiama “Liquid Purple” su Rosé Metallic, una vernice rosa luccicante e cangiante verso i toni del verde, viola, oro contro la fibra di carbonio lucida. Questa bici è una bici con ruote uniche Pi Rope che si basano sui cerchi Syncros Capital 1.0 X40 e sui raggi in fibra di Vectran in colore rosa tinto personalizzato. Pulegge uniche CeramicSpeed OSPW con finitura bianca in Cerakote. Infine, è dotata di pedali r2-bike.com Edition XTR con cuscinetti in ceramica e perni in titanio METI, prodotti in soli 13 paia.

Kit telaio Contessa

La bici si basa sul kit telaio SCOTT Contessa Addict Gravel e sui componenti Syncros che si integrano perfettamente. Essendo allo stesso tempo molto leggera e reattiva, e avendo anche una geometria progressiva, offre un’esperienza di guida molto veloce e sportiva, pur essendo capace di affrontare terreni più accidentati. Sia il telaio che la forcella interamente in carbonio sono realizzati con la qualità della fibra di carbonio HMX, che nella gerarchia SCOTT è superata solo dalla HMX SL leggermente più leggera. Il telaio e la forcella hanno spazio libero per pneumatici fino a 45 mm. Ad accompagnare il telaio c’è il Syncros Creston iC SL X, un manubrio monoblocco in carbonio gravel che nasconde i tubi dei freni, dando vita a un cockpit perfettamente pulito. È avvolto dal nastro manubrio Syncros Gravel che offre un’ottima ammortizzazione e una presa eccezionale.

Nella parte anteriore c’è un supporto Syncros Garmin con un supporto GoPro integrato che sarà utile per montare una luce in autunno. Questi sono creati negli Stati Uniti da K-Edge. C’è anche un reggisella Syncros Duncan SL Aero che è perfetto per il resto del telaio, e in cima trovi una sella Syncros Celista R 1.0. Naturalmente ha una forma specifica femminile e binari in carbonio.

Trasmissione

Davanti c’è una guarnitura Easton EC90 SL, che ha una verniciatura personalizzata per abbinarsi al telaio. Si muove su un movimento centrale CeramicSpeed, per offrire un basso attrito e una lunga durata. È abbinata a una corona Garbaruk 42T, una delle mie preferite.
I pedali sono molto più speciali di quanto si possa pensare al primo sguardo. Basati sui tradizionali Shimano XTR, sono la versione in edizione limitata creata dal negozio online tedesco di tuning ciclistico r2-bike.com. Con cuscinetti CeramicSpeed e perni in titanio lavorati da METI in Italia, ne sono stati realizzati solo 13 paia.

Il cambio è pieno di caratteristiche speciali e di aggiornamenti nascosti. È uno SRAM X01 che è stato ottimizzato utilizzando parti in carbonio Hopp, più specificamente un parallelogramma in fibra di carbonio, una cover e perni in titanio che tengono tutto insieme. Fa risparmiare un po’ di peso e sicuramente aiuta anche con l’estetica. Un altro dettaglio molto particolare è la gabbia del cambio. È una CeramicSpeed OSPW con pulegge bianche in Cerakote uniche ed è stata anche verniciata per abbinarsi al resto della bici. Il Cerakote è, come suggerisce il nome, una vernice a base ceramica che offre grande resistenza all’usura e resistenza chimica; ha un aspetto molto diverso dall’anodizzazione convenzionale e questo lo rende abbastanza accattivante. La catena è una SRAM X01 e per il pacco pignoni cassetta ha testato un Leonardi General Lee 9‐50T wide‑rage.

Freni e Ruote

Le leve SRAM Force AXS sono abbastanza comuni, ma qui si accoppiano con le pinze freno Trickstuff C22 lavorate magnificamente. Disponibili come aggiornamento aftermarket per le leve Shimano e SRAM, sono entrambe leggere e offrono grandi prestazioni, in parte grazie alle pastiglie Trickstuff Power che sono all’altezza del nome. I dischi dei freni provengono anch’essi da Trickstuff e sono chiamati Dächle UL, con UL che sta per Ultra Light. Hanno un buon rapporto peso/prestazioni e i loro bordi smussati aiutano durante il montaggio delle ruote. Essendo a 6 bulloni, sono fissati ai mozzi con bloccaggio centrale con gli adattatori Bike Ahead Composites The Fixer, che sono i più leggeri (e i più belli) disponibili.

Pi Rope è un’azienda tedesca che ha sviluppato un sistema che utilizza per le proprie ruote raggi in fibra tessile Vectran. E sì, se ne tieni una in mano, puoi legarci un arco, tranne che rispetto alla corda normale ha una resistenza alla trazione maggiore rispetto ai raggi in acciaio. A parte il peso molto ridotto, questi raggi offrono anche una qualità di guida leggermente diversa. Avendo già usato le ruote da mountain bike Pi Rope, sapevo che gestivano le vibrazioni un po’ meglio delle ruote tradizionali. La bici aveva anche un rumore diverso con queste ruote. Così il gravel sembrava essere una destinazione d’uso perfetta per loro, ed è per questo che le trovi su questa bici.
I cerchi sono una versione prototipo dei Syncros Capital 1.0 X40, essendo stati forati per montare i raggi Pi Rope che utilizzano nippli con diametro maggiore rispetto a quello standard. Un’altra cosa interessante dei raggi è che essendo in tessuto possono essere tinti in qualsiasi colore. Così, per questo progetto, Pi Rope ha inviato un campionario di raggi colorati in rosa e Pernilla ha scelto la combinazione perfetta.
Le ruote sono fissate con perni passanti in titanio METI. Questi sono lavorati in Italia da Dante Codeluppi per ottenere una finitura e una qualità superbe.

​Pneumatici

Le gomme principali di questa Contessa Addict Gravel sono le Ultradynamico Rosé Race di colore grigio e in larghezza 42 mm. Non solo si abbinano alla bici col loro nome, ma offrono anche una gran grip mentre scorrono abbastanza velocemente grazie alla carcassa super morbida. A seconda della guida e dei pneumatici adottati, Pernilla usa la bici con camere d’aria Pirelli SmarTUBE oppure tubeless, utilizzando il Syncros Eco Sealant.