In moto con Africa
(Ufficio Stampa M&M Communication)

Prossimo appuntamento il 28 e 29 agosto sul circuito umbro di Magione

Il secondo week end di gara del Moto Guzzi Fast Endurance European Cup ha visto il team esordiente di In Moto Con l’Africa #64 impegnato sul veloce circuito di Vallelunga per la gara valida come terza prova del trofeo. Una prima volta da iscritti, ma con tutte le caratteristiche di un ritorno: proprio qui lo scorso anno i piloti Marco Visonà e Nicola Andreetto hanno debuttato con i colori di In Moto Con l’Africa come wild card.

Ma si è trattato di un ritorno anche per un altro importante motivo: Marco è salito di nuovo in sella dopo il brutto infortunio rimediato nei test ad aprile e ha corso e concluso la gara mettendo così fine ai timori e ai dolori della convalescenza.

Benché ancora dolorante, dopo poco più di settanta giorni dalla frattura della clavicola rimediata nei test a Varano, Visonà ha voluto a tutti i costi prendere il via alla gara con caparbietà. Dopo un test di resistenza fatto ancora a Varano a inizio settimana, ha deciso di stringere i denti e affrontare una gara impegnativa non solo per la guida e il caldo, ma per la durata di un’ora e mezza con i consueti cambi pilota ogni 15 minuti e lo stress prolungato di prove libere e due turni di qualifiche. Sul giro singolo Marco ha evidenziato miglioramenti prestazionali grazie alla confidenza che piano piano acquisisce con la Moto Guzzi V7 III.

Soddisfazione anche per Nicola Andreetto che ha migliorato i tempi dello scorso anno ed è andato a crescere nel week end giro dopo giro, mantenendo in gara un buon ritmo costante al passo con gli avversari. Rimane la consapevolezza che c’è ancora molto da imparare, ma i risultati ottenuti sono molto incoraggianti e in gara, come già a Varano, ha ingaggiato con successo diversi duelli dopo aver fatto una buona partenza. Altro aspetto da non sottovalutare in una gara di endurance, i due piloti hanno gestito al meglio i cambi previsti senza incappare in penalità 

Ma Vallelunga è stata anche un’occasione davvero speciale per il progetto di In Moto Con l’Africa. Grazie alla generosità del Gruppo Piaggio è stato possibile per il team schierare una seconda moto come wild card. Destino ha voluto si trattasse della stessa V7 con la tabella #29 utilizzata lo scorso anno dal team. La seconda moto è stata affidata a due piloti dalle esperienze completamente diverse ma entrambi animati dalla voglia di conoscere il fascino del Moto Guzzi Fast Endurance e nondimeno da quella di sostenere il nostro progetto solidale.

Alberto Scirè milanese alla prima esperienza in una gara in pista ma già da tempo sostenitore di In Moto Con l’Africa, ha diviso la sella con Duilio Damiani nome noto nell’ambiente delle gare di endurance e presidente del Moto Club Misano. Il neofita e il veterano hanno entrambi tratto il massimo da questa esperienza e l’uno dall’altro proprio con lo spirito di squadra di In Moto Con l’Africa.

La corsa per il Moto Guzzi Fast Endurance prosegue verso Magione dove sono previste le prossime due prove il 28 e 29 agosto. Ma la corsa più importante non si ferma mai ed è quella per il diritto alla salute, il diritto ad accedere alle cure Questo è ciò che spinge l’acceleratore di In Moto Con l Africa, il cui obiettivo è raccogliere fondi da destinare a Medici Con l’ Africa CUAMM che li impiega nell’acquisto e manutenzione di moto ambulanze, pieni di benzina, voucher per raggiungere gli ospedali e i villaggi in sella alle due ruote.

Informazioni su www.inmotoconlafrica.org