5 stelle di sicurezza ambientale per il suv ad idrogeno di Hyundai (Grzegorz Czapski / Shutterstock.com)

Il Suv di seconda generazione spinto da alimentazione ad idrogeno, ha ricevuto la massima valutazione possibile da Green NCAP.

In molti sono titubanti sull’uso dell’idrogeno all’interno del mondo Automotive in quanto hanno dubbi in termini di sicurezza ambientale. 

Oggettivamente una vettura a idrogeno è rarissima da vedere. Ci sono infatti pochissimi luoghi per effettuare una ricarica di idrogeno nel mondo e in Italia. È normale quindi che le persone si domandino se l’idrogeno sia un modo di spostarsi e di guidare sicuro per l’ambiente.

Una delle pochissime case automobilistiche che sta proponendo vetture a idrogeno, Hyundai, ha appena ricevuto il massimo della valutazione possibile da un’organizzazione indipendente che valuta le automobili in base all’efficienza energetica e alle emissioni.

Nexo, il suv spinto da una alimentazione a idrogeno, è il terzo modello Hyundai che riceve la valutazione massima dopo la Ioniq elettrica e la Kona elettrica.

Questa valutazione si è basata su tre indici che valutano diversi aspetti: la purezza dell’aria, l’efficienza energetica e i gas serra.  Dato che è un veicolo elettrico a celle di combustione alimentato a idrogeno e produce unicamente acqua come unica emissione, Nexo ha ottenuto il massimo punteggio in termini di valutazione della purezza dell’aria e dei gas serra.

La conseguenza è molto semplice e molto immediata da ricavare. L’alimentazione idrogeno quindi si è dimostrata come una mobilità ormai matura e rappresenta una soluzione di trasporto attuabile. Non sono infatti presenti emissioni allo scarico ad eccezione dell’acqua. L’efficienza energetica è quindi molto elevata e così Nexo riesce ad avere un ottimo indice di valutazione. 

La scelta di Hyundai di puntare anche su l’idrogeno è un qualcosa di encomiabile che potrebbe fare da apripista per prossime strutture automotive nei prossimi decenni. Staremo a vedere se le altre case automobilistiche seguiranno Hyundai e Toyota che ha appena presentato la sua nuova Mirai.