camion elettrici avranno più punti di ricarica veloce
E' in arrivo una rivoluzione per il trasporto di beni e persone (Shutterstock.com)

 Il colosso dell’elettronica, ha deciso di presentare un proprio progetto per l’ammodernamento delle stazioni di ricarica veloce per i mezzi pesanti come ad esempio autobus e camion.

 Secondo le stime più autorevoli, ben presto il mondo del trasporto, sia di merci, sia di persone, passerà all’elettrico.

 Entro 2040 ben al 80% delle flotte cittadine degli autobus di tutto il mondo saranno a trazione elettrica ed entro la stessa data il boom a livello di immatricolazione dei bus elettrici passerà da 400 mila attuali ai 2,3 milioni di mezzi.

 Per fare questo, servirà una riforma infrastrutturale notevole e capace di andare a ricaricare i mezzi in poco tempo, andando però a mantenere un alto standard di efficienza della batteria.

 Per questo motivo Hitachi ha deciso di presentare un proprio progetto capace di andare a rimpicciolire i luoghi di ricarica, andando ad abbattere addirittura del 60% e dimensioni e riducendo il 40% dei tempi di messa in funzione.

 Secondo quanto previsto si potrà anche prevedere  la quantità di elettricità necessaria ad ogni mezzo che si reca a fare il pieno di energia, in modo da non avere picchi eccessivi a livello di domanda in determinati giorni o in determinate fasce d’orario.

Inoltre, ogni qualvolta che il mezzo si recherà a effettuare la ricarica, si osserveranno tutta una serie di dati a livello di consumi e prestazioni dei mezzi, cercando quindi di ottimizzare anche sul lato delle prestazioni, la gestione del mezzo.

 Sarà tutto quanto molto più organizzato e controllato, cercando quindi di ottenere una maggiore efficienza realizzativa in termini di produzione dei mezzi e di gestione dei luoghi di ricarica. 

Tutto questo dovrebbe essere sviluppato, secondo i piani, entro vent’anni, su scala mondiale senza alcuna area non interessata. 

 Il nome di questo progetto? ABB Power Grids presenta Grid-eMotion Fleet