Flixbus cambia l'alimentazione ad un suo autobus (Antonello Marangi / Shutterstock.com)

Novità nel mondo della mobilità sostenibile in ambito pubblico. L’azienda internazionale Flixbus ha deciso di varare il primo autobus a biogas in modo da ridurre le emissioni di CO2.

La mobilità sostenibile passa anche dai servizi pubblici. La buona notizia interessante arriva dell’Europa dove la principale società di trasporto pubblico tra città, ovvero Flixbus, ha annunciato da poche ore di avere introdotto nella propria flotta un veicolo veramente interessante.

Stiamo parlando di un pullman per il trasporto delle persone a lunga percorrenza alimentato a biogas. Questo prodotto deriva dalla collaborazione con Scania ed il fornitore di gas Gasum. La prima tratta che verrà coinvolta per tale ambito sarà la rotta Stoccolma Oslo. L’obiettivo è ovviamente quello di ridurre in modo importante le emissioni di CO2.

La società non è nuova a aspetti simili, in quanto sono già stati fatti test in alcuni stati europei come Francia e Germania ma anche negli Stati Uniti d’America.

Per gli amanti della tecnologia Flixbus ha tra l’altro introdotto una nuova tecnologia utile a raffreddare il biogas a circa meno 160 gradi in modo da permettere di diventare il gas, liquido, e quindi più importante in termini di energia.

Questa nuova tecnologia potrebbe essere molto utile negli negli anni futuri in quanto la disponibilità di biogas avrà un forte aumento in tutta Europa. Merito anche della Commissione Europea che ha deciso di investire su questo carburante in modo importante al fine di ridurre quanto prima le emissioni di CO2.

Staremo quindi a vedere se tale esperimento sulla rotta tra Stoccolma e Oslo verrà riprodotto anche in altre rotte europee. È il principale player internazionale, ma si sa che se il principale player internazionale sviluppa una tecnologia, ben presto anche tutte le altre piccole realtà locali, lo copieranno. Il tutto anche grazie all’importante partnership con Scania, il processo di scalabilità e quanto mai certo.