Due i percorsi previsti dalla Ciclostorica: il primo dedicato a Cicerone; il secondo – quello più lungo – intitolato a Lucio Munazio Planco

Tutto pronto per la 5^ edizione della Ciclostorica “Dalle cascate al lago”, un evento organizzato dalla società sportiva “Ciclistica Isola del Liri – Leone Team” sotto la guida di Federciclismo e di “Isola Liri BIKE Festival”. Si tratta di una manifestazione cicloturistica non competitiva che ha l’obiettivo di far rivivere biciclette d’altri tempi sulle strade della media valle del Liri e della Val Comino. Anche quest’anno l’edizione sarà dedicata ad un personaggio del ciclismo eroico: Sisto Pagnanelli. Conosciuto come “Sistuccio” è scomparso nel 1977 dopo una vita come corridore e poi come cicloviaggiatore. La manifestazione si sviluppa per la prima volta in due giornate. Sabato 8 ottobre è prevista una staffetta sul percorso di 12 km che porta da Isola del Liri a Civitavecchia di Arpino.

Domenica 9 invece la ciclostorica vera e propria. Due i percorsi proposti da coprire con biciclette di costruzione precedente al 1987, sia da corsa che da passeggio. La Ciclostorica dalle Cascate al Lago si sviluppa attraverso due percorsi di di 37 e 80 km tra la media Valle del Liri e la Valcomino toccando i comuni di Broccostella, Fontechiari, Casalvieri, Atina, San Donato, Alvito, Vicalvi, Posta Fibreno e Sora. Il percorso breve è denominato Cicerone ed è dedicato a Marco Tullio Cicerone. Il percorso lungo è denominato Munazio Planco ed è dedicato a Lucio Munazio Planco.

La partenza si effettua dal Ponte Napoli con il suggestivo sfondo della Cascata Grande di Isola del Liri. Si risale verso Sora e nei pressi dell’Abbazia di San Domenico si inizia a seguire il corso del Fibreno fino a Fontechiari. Qui i percorsi si dividono: il percorso lungo raggiunge Atina attraversando la Valcomino ed incrociando più volte il corso del Melfa. Sulle rive del Lago di Posta Fibreno i due percorsi si riuniscono per attraversare la città di Sora e quindi scendere verso Isola del Liri. Imboccato il sentiero del Parco Fluviale si costeggia il Liri fino raggiungere la Cascata del Valcatoio. Si attraversa quindi il centro storico della città fluviale per tornare sul Ponte Napoli.

Al termine saranno tre i premi assegnati da una apposita giuria. Un premio “eleganza – la bici più bella” riservato a coloro che espongono (gratuitamente) la propria bicicletta senza partecipare alla pedalata. Un premio per le “bici pieghevoli – Graziella e simili” riservato a questo particolare tipo di bici e, infine un premio “coerenza – bici e abbigliamento” riservato a coloro che saranno alla partenza della ciclostorica.