In arrivo un versione 100% elettrica per Dodge, secondo le indiscrezioni online (Grzegorz Czapski / Shutterstock.com)

La casa automotive statunitense sta lavorando, secondo indiscrezioni, per la creazione della sua vettura elettrica più veloce di sempre.

Le auto americane sono sempre state caratterizzate da forme muscolose e da prestazioni al top. Se infatti le cilindrate delle vetture europee sono tutto sommato contenute e difficilmente superano i 2000 o 2500 centimetri cubici, negli Stati Uniti tutto ciò è all’opposto. Negli Stati Uniti d’America infatti le vetture hanno normalmente delle cilindrate mostruose e molto spesso superano anche i 6000 centimetri cubici. La conseguenza diretta è che ovviamente hanno delle prestazioni mostruose.

Il marchio Dodge, che rientra all’interno del maxi gruppo internazionale Stellantis, sta cercando di rinnovare il suo brand ipotizzando una vettura 100% elettrica. Stiamo parlando di una vettura addirittura più potente della Dodge Challenger Demon che riesce a accelerare da zero a 96 km orari in appena 2,3 secondi.

Sono queste le voci che girano on-line e che quindi devono essere prese con le pinze. I competitor diretti sono le vetture supercar con attrazione elettrica. Pensiamo ad esempio alle Tesla ma anche a tutte le altre vetture ultra sportive con trazione elettrica.

Non si sa ancora bene quanto tale progetto verrà realizzato concretamente. Potrebbero essere solo voci messe in circolazione e rimanere tali oppure diventare concrete con un progetto presentato nelle prossime settimane. Noi staremo a vedere in quanto sarebbe un vero peccato che il brand Dodge venisse progressivamente ridimensionato a seguito della creazione del maxi gruppo internazionale Stellantis.

Sebbene il brand è da sempre legato al concetto di motore termico benzina, una sua conversione elettrica sarebbe auspicabile e sarebbe veramente interessante da osservare. Appuntamento quindi nelle prossime settimane per comprendere l’andamento del brand statunitense in particolare per il discorso della elettrificazione. Il gruppo italo-francese sta puntando molto sull’elettrico e dobbiamo comprendere se anche un brand decisamente declinato alla sportività pura, possa essere indirizzato al mercato americano sostenibile.