In arrivo nuove colonnine elettriche (Zoran Pajic / Shutterstock.com)

Sono in aumento i luoghi per poter ricaricare le auto elettriche all’interno della rete autostradale italiana.

Essendo nel mezzo della rivoluzione della mobilità sostenibile, anche le infrastrutture dovranno essere ammodernata quanto prima.

Con l’arrivo dell’estate infatti c’è voglia di viaggiare e quindi esiste la necessità di ricaricare l’auto elettrica. Il problema di trovare luoghi idonei per ricarica in autostrada è sensibile in alcune aree italiane.

Una delle società del gruppo Autostrade per l’Italia, sta lavorando proprio alla realizzazione di una serie di stazioni per il rifornimento di energia all’interno delle aree di servizio della rete autostradale.

Il progetto prevede di installare circa 100 aree di servizio entro il 2023. Entro quest’anno dovrebbero essere operative circa 50 aree di servizio, mentre attualmente sono attive già 16 aree di servizio.

Queste colonnine permettono di ricaricare le auto fino a una potenza massima di 300 kw, ed è quindi un dato molto interessante perché permetterebbe di ricaricare molto velocemente tutto quanto.

Attualmente le aree di servizio già servite da questo servizio sono prevalentemente nel nord Italia, ma attualmente già sono in fase di realizzazione avanzata delle aree di servizio nel centro Italia.

Il comparto della mobilità sostenibile italiana dovrebbe essere maggiormente strutturata, con una maggior completezza di questi luoghi di ricarica.

Essi sono il vero volano per una mobilità sostenibile, oltre che sono fondamentali per l’economia anche complessiva in Italia. Non dobbiamo mai dimenticarci infatti che la rete autostradale, permette il viaggio anche delle persone non residenti in Italia, ovvero i turisti.

Se riuscissimo quindi a veicolare maggiori forme di finanziamento, e di installarne colonnine di ricarica, allora avrebbe un beneficio anche per il turismo.