Il 10 luglio si inaugura la Ciclovia del Santerno, 44 km attraverso Mordano, Imola, Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Fontanelice e Castel del Rio

L’evento istituzionale si terrà alle 16.00 all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari: ai saluti istituzionali seguirà la presentazione del Percorso della Ciclovia e il suo ruolo di infrastruttura strategica di promozione di un turismo lento, in sinergia con il Parco della Vena del Gesso e la rete ciclabile metropolitana e la rete ferroviaria. La Ciclopista del Santerno, inserita nel sistema più ampio della Bicipolitana della Città Metropolitana di Bologna, si sviluppa per 44 Km lungo la Vallata del Santerno da Mordano a Castel del Rio, passando per Imola, Casalfiumanese, Borgo Tossignano e Fontanelice, attraversando il Parco della Vena dei Gessi, candidato a diventare sito Patrimonio Unesco.

La progettazione è stata commissionata dal Nuovo Circondario Imolese e coordinata da AREA BLU spa, in particolare Area Blu ha curato l’acquisizione delle aree, i rapporti con i privati e gli Enti. La realizzazione della ciclovia di circa 45 km dei quali 30 in sede propria, ha richiesto 3 anni tra progettazione definitiva ed esecutiva e ottenimento delle autorizzazioni e un anno e mezzo di lavori.

Si tratta di un itinerario di alto valore ambientale – paesaggistico, in quanto si attraversano ambiti fluviali con boschi ripariali, opere idrauliche di interesse storico come i Canali dei Mulini, formazioni geologiche come la Vena del Gesso e zone agricole di pregio con coltivazioni a frutteto specializzato. Il tracciato mette inoltre in connessione parchi fluviali e aree di interesse ricreativo – sportivo come il parco delle Acque Minerali di Imola, il parco fluviale di Borgo Tossignano e Fontanelice e il ponte degli Alidosi a Castel del Rio.