Stella-McCartney
www.stellamccartney.com

La figlia d’arte del noto musicista dei Beatles ha lanciato il suo brand nel 2011, realizzando capi senza derivati animali

Stella McCartney, figlia d’arte del famoso musicista dei Beatles e vegetariana da sempre, ha lanciato nel 2011 la sua prima etichetta riguardante una linea di abbigliamento ed accessori ecosostenibile, senza derivati animali. La stilista, per la produzione delle collezioni, punta sulla realizzazione di un tessuto simile al camoscio e sull’utilizzo di poliestere riciclato, di cashmere rigenerato e di altre fibre naturali o sintetiche.

Premio Global Voices Award

Nel 2018 la giovane designer ha ricevuto il prestito premio del Global Voices Award, proprio per la proposta di una moda e di collezioni ecosostenibili. Tra gli altri meriti riconosciuti alla stilista c’è anche quello di aver creato una piattaforma pensata per condividere informazioni e ricerche su nuove tecniche di moda sostenibile con le nuove generazioni di stilisti emergenti.

Un altro importante intervento di Stella McCartney è stato quello di aver messo a punto in collaborazione con le Nazioni Unite, un manifesto programmatico che detta le regole per una produzione più ecologica, con la volontà di sostenere anche associazioni che si occupano di ambiente e di preservare il benessere degli animali. L’obiettivo è quello di responsabilizzare i consumatori e le imprese ad abbracciare la sostenibilità impegnandosi in una produzione che preveda basse emissioni di carbonio.

Capi green ed eleganti

Stella McCartney punta sulla sostenibilità e su collezioni principalmente green, senza tuttavia tralasciare eleganza ed originalità. I suoi capi infatti si caratterizzano per i loro tratti super chic, eleganti e sofisticati, capaci di coniugare lo stile british alla praticità ed in grado di esaltare al massimo la femminilità di chi li indossa, così come le calzature e gli accessori, borse e occhiali da sole compresi.

Le creazioni di Stella McCartney incarnano valori etici di una moda sostenibile e responsabile verso le risorse della Terra. Oggi, infatti, è uno dei brand di moda etica e cruelty-free più conosciuti a livello internazionale.

La Falabella bag

La nota Falabella bag, borsa lanciata nel 2010, è senza dubbio uno degli accessori più caratteristici e rappresentativi del suo marchio. La pelle molto morbida è stata realizzata con olii vegetali e le fodere con bottiglie in plastica riciclate. Stella McCartney vuole infatti escludere l’utilizzo di qualsiasi materiale di origine animale, promuove l’investimento nella ricerca di materiali alternativi, lavorando sull’economia circolare e diffondendo l’uso del tessuto riciclato.

Nel 2014 lancia la “Green Carpet Collection, una collezione che dimostra la possibilità di realizzarevestiti belli e lussuosi rispettando l’ambiente in ogni passaggio della filiera produttiva. Nessun dettaglio è lasciato al caso, ogni aspetto e parte della creazione è il frutto di processi di produzione etici, volti a ridurre l’emissione di anidride carbonica, a ridurre a zero il disboscamento e a favorire il riuso e il riciclo dei tessuti.

Per saperne di più

Per saperne di più sulle scelte etiche adottate del noto brand british, puoi visitare il sito www.stellamccartney.com.