L'integrazione tra casa e auto elettrica è in arrivo in Svezia (North Monaco / Shutterstock.com)

Shopopop nasce per rispondere a questa domanda: tramite la piattaforma, infatti, i commercianti si avvalgono di privati che sfruttano i loro percorsi frequenti per effettuare le consegne a casa dei clienti in cambio di un compenso

Shopopop, la piattaforma che ripensa il mondo delle consegne di prossimità per ottimizzare le risorse e ridurre gli sprechi, sbarca a Cremona grazie a partnership con alcune importanti insegne della GDO. Ogni giorno milioni di persone usano l’auto o un altro mezzo privato per andare a lavoro, fare visita a un parente o un amico, andare in palestra… Ma cosa succederebbe se tutti questi spostamenti fossero utilizzati anche per effettuare consegne nella zona di destinazione?

Shopopop nasce per rispondere a questa domanda: tramite la piattaforma, infatti, i commercianti si avvalgono di privati che sfruttano i loro percorsi frequenti per effettuare le consegne a casa dei clienti in cambio di un compenso. Chiunque può effettuare una consegna creando un account Shopopop tramite l’app. Un modello che ottimizza gli spostamenti in auto risparmiando Co2e, ed è più flessibile e conveniente per i supermercati e i commercianti rispetto ad un servizio di logistica tradizionale, perché non richiede alcun ulteriore investimento strutturale o organizzativo.

“Abbiamo l’obiettivo di sviluppare un nuovo paradigma per il mondo delle consegne, un modello efficiente e sostenibile in grado di soddisfare ogni parte coinvolta: commercianti, driver e clienti”, ha spiegato Fabio Paracolli, Country Manager Italia di Shopopop. “Un modello affermatosi in Francia che stiamo sviluppando in tutta Europa, Italia compresa: a Milano, dall’inizio dell’anno, abbiamo già effettuato oltre 20mila consegne. Numeri che puntiamo presto a far crescere”.

L’app Shopopop, oltre che in Italia, è attiva anche in Francia, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Spagna. Una community da più di 2 milioni di utenti, che conta circa 7 milioni di consegne effettuate e oltre 6300 negozi partner. Una piattaforma rivolta non solo ai supermercati, ma anche alle piccole attività locali, come ad esempio i fioristi, le farmacie e parafarmacie e tutte le attività per cui il servizio di consegna può rappresentare un valore aggiunto. Il servizio consente un rilevante risparmio di Co2e: per ogni consegna effettuata durante un percorso frequente, i driver collaborativi fanno una deviazione media di 2,27 km, che ha un impatto 3,5 volte più basso rispetto all’esperienza standard del cliente finale che va a fare la spesa al supermercato.