Con oltre 9.200 prodotti certificati, 270 brand e più di 30 Paesi nel mondo in cui vengono realizzati i prodotti con marchio NATRUE, l’Associazione no profit si conferma come punto di riferimento per la cosmesi naturale e biologica

Il bilancio delle attività 2023 dell’Associazione internazionale che tutela l’autentica cosmesi naturale e biologica evidenzia quattro aspetti fondamentali: l’aumento della fiducia nel marchio NATRUE, il ruolo di portavoce di una normativa per il settore, le iniziative strategiche e partnership attivate, e un sempre maggior coinvolgimento dei consumatori.

Con oltre 9.200 prodotti certificati270 brand e più di 30 Paesi nel mondo in cui vengono realizzati i prodotti con marchio NATRUE, l’Associazione no profit si conferma come punto di riferimento per la cosmesi naturale e biologica. L’applicazione di rigidi standard e di criteri verificabili ha contribuito, insieme allo schema delle materie prime di NATRUE, ad agevolare processi di verifica indipendenti e la trasparenza delle formulazioni impiegate.

NATRUE si è poi fatta portavoce della necessità di stabilire e incrementare le politiche e le normative a sostegno della cosmesi naturale e biologica per rendere il settore realmente sostenibile e normato. Tutti i progressi e le azioni normative del settore sono riportati sul sito NATRUE sottolineando così l’impegno dell’Associazione in favore della trasparenza.

NATRUE ha coinvolto i consumatori spingendoli verso scelte di acquisto più consapevoli e sostenibili

Nel 2023 NATRUE ha annunciato diverse partnership come quella con Commit for Our Planet, per la riduzione dell’impronta ambientale della cosmesi in Europa, e con Organic Trade Board (OTB), per incrementare la consapevolezza sui brand di cosmesi biologica. Inoltre Mark Smith, il Direttore Generale di NATRUE, è stato nominato nuovo condirettore della coalizione sulla bellezza sostenibile del British Beauty Council, un ruolo di guida nella promozione della sostenibilità che NATRUE porta avanti con ambizione.

Infine, nel 2023 NATRUE ha coinvolto i consumatori spingendoli verso scelte di acquisto più consapevoli e sostenibili. Per farlo ha sviluppato diversi metodi e fonti d’informazione, dai social ai video oltre alla comunicazione tradizionale su giornali e riviste. L’Associazione ha incontrato i consumatori e gli esperti del settore alle principali fiere ed eventi dove ha partecipato con spazi espositivi e come speaker a conferenze e incontri.

In questo modo, NATRUE sensibilizza i consumatori sull’importanza di scegliere la vera cosmesi naturale, biologica e certificata oltre a portare avanti una concreta lotta al fenomeno del greenwashing, ovvero la tendenza a spacciare per naturale e bio cosmetici che in realtà non lo sono. Con i suoi rigidi standard NATRUE garantisce, infatti, la sostenibilità in tutte le fasi, dall’approvvigionamento delle materie prime al packaging.

“Siamo molto soddisfatti dei progressi che abbiamo fatto quest’anno – ha commentato Mark Smith, Direttore Generale di NATRUE – consolidando il nostro impegno nel supportare i nostri soci, gli utenti, i consumatori e più in generale tutto il settore della cosmesi naturale e biologica.  Il Rapporto 2023 evidenzia il nostro costante impegno per la trasparenza, l’autenticità e la sostenibilità della cosmesi naturale e biologica”.