collina strada
collinastrada.com

I capi del noto brand sono realizzati principalmente con materiali riciclati e scarti di magazzino

Il noto brand di moda ecosostenibile Collina Strada nasce a New York nel 2014 per opera della stilista Hillary Taymour. Inizialmente partito con il lancio di una collezione di borse green, oggi il marchio comprende anche diverse ed originali linee di abbigliamento pensate per chi ama indossare capi in versione minimal, colorati, funzionali, che si adattano ad ogni occasione.

Produzione localizzata

I capi Collina Strada, oltre a reinterpretare con maestria i grandi classici, si caratterizzano per i dettagli originali che li rendono assolutamente al passo con le ultime tendenze. Inoltre, cosa molto importante, l’azienda ha deciso di investire su materiali e tessuti prevalentemente riciclati ed ecologici, preferibilmente prodotti a a New York, in modo da ridurre in maniera significativa l’impatto del carbonio sull’ambiente.

La maggior parte dei capi infatti è realizzata con scarti di magazzino e materiali riciclati provenienti dalle precedenti collezioni del brand e dal mercato Kantamanto ad Accra, in Ghana, grazie alla collaborazione con la Fondazione no profit OR. Collina Strada acquista così chili di magliette da questo enorme market di seconda mano, che vede passare oltre 25 milioni di capi ogni mese, di cui il 40% è destinato a finire in discarica ma anche nell’oceano.

Una moda amica della natura

Hillary Taymour, con la sua etichetta divenuta sinonimo di moda amica della natura, è sempre alla ricerca di nuove strade per creare le sue collezioni in maniera ancora più sostenibile. “La filosofia del brand è di essere la versione migliore di noi stessi” ha dichiarato la stilista durante un’intervista ed “essere la versione migliore di sé” per Hillary Taymour significa riuscire a trasformare in modo costante Collina Strada, “rendendolo un brand di moda completamente sostenibile, del tutto trasparente soprattutto, irriverente”. “La sostenibilità è un viaggio,” si legge nella dichiarazione di intenti del marchio. È un invito simbolico di Hillary rivolto ai loro fan e amici per unirsi sulla strada “verso un futuro migliore”.

Oltre a essere elemento cardine dell’azienda, l’approccio rivolto alla sostenibilità di Collina Strada è una vera e propria missione per la quale l’intera community, che abbraccia il brand, si batte. “Penso che ciò che rende speciale Collina Strada sia l’impegno per le cause sociali e per il cambiamento, raggiunto attraverso la moda senza mai sembrare falsi. L’inclusività, il cambiamento climatico e la responsabilità politica sono tutti temi caldi che i brand vogliono sfruttare, ma in ogni collezione di Collina c’è un interesse genuino: si vede nei tessuti e nei casting” afferma una modella del brand durante l’intervista a i-D.

La seta ricavata dagli scarti di cespugli di rose e steli

Oltre agli scarti di magazzino, la stilista Taymour cerca sempre nuovi materiali vergini e innovativi, come pezzi in sylk della collezione A/I 20, seta ottenuta dagli scarti naturali di cespugli di rose e steli. “È la versione più sostenibile della seta sul mercato” continua la stilista.

Inoltre, Collina Strada opera prevalentemente a livello locale per ridurre l’impatto dei propri capi sull’ambiente. Tutti i suoi abiti infatti sono cuciti internamente, nello studio del marchio, e la produzione arriva fino a un massimo di 500 pezzi.

Per info

Per saperne di più sulle scelte ecologiche e sulle tecniche di produzione utilizzate da Collina Strada, puoi visitare il sito www.collinastrada.com.