diga-2
(shutterstock.com)

Alperia effettua attività di monitoraggio per garantire impianti sicuri, evitare guasti e disservizi per gli utenti

Alperia, principale provider di servizi energetici per l’Alto Adige, nonchè quinta multiutility nazionale per fatturato, è oggi una delle realtà più importanti in Italia nel campo dell’energia sostenibile.

Circa il 90% dell’energia prodotta da Alperia, infatti, deriva da risorse idroelettriche locali. I quantitativi prodotti sono superiori rispetto ai consumi annui di energia del territorio provinciale, che sono di circa 3 TWh. Nel 2020, Alperia ha prodotto 4.791 GWh di energia idroelettrica e solare, 222 GWh da teleriscaldamento, 47 GWh da cogenerazione e 270 GWh da biomassa.

Un mix energetico, come si legge sul sito di Alperia, che definisce la natura green del business della multiutility, sia nel breve che nel lungo periodo. A fronte di un trend in aumento dei consumi di energia elettrica, secondo i dati rilevati da TERNA (2008-2019) e supponendo che i volumi medi di produzione non subiscano significative variazioni nel tempo, si ritiene che la produzione idroelettrica degli impianti Alperia possa coprire la domanda di energia elettrica in Alto Adige fino all’anno 2050.

La rete distributiva di Alperia tra Smart Meter, interramenti e gestione delle emergenze

Edyna, nata dalla fusione delle due società di distribuzione dell’energia elettrica altoatesine AEW Reti e SELNET, è la controllata di Alperia che si occupa della fornitura di energia elettrica in Alto Adige e della distribuzione del gas naturale in quattro Comuni.
Gestisce una rete di distribuzione di energia elettrica di 8.951 chilometri con il 72% delle linee interrate (+2% rispetto al 2019); approvvigiona 96 Comuni (su un totale di 116), distribuendo 2,7 TWh di energia elettrica a più di 235 mila utenti.

Le linee di Edyna sono:

  • Bassa tensione: 5.264 chilometri – di cui 79% interrati
  • Media tensione: 3.427 chilometri – di cui 67% interrati
  • Alta tensione: 260 chilometri – di cui 8% interrati

E con:

  • 37 cabine primarie AT/MT
  • 4.131 cabine secondarie MT/BT
  • 45 cabine di smistamento MT.

Sempre sul sito di Alperia, nella sezione dedicata alle azioni messe in campo dalla società per la tutela dell’ambiente, la multiutility spiega che mediante il Centro di Telecontrollo di Bolzano, Edyna monitora h24, tutti i giorni dell’anno, le reti elettriche e la rete del gas.

In caso di guasti, interviene sia con un servizio di pronto intervento, attivo h24 con personale bilingue che raccoglie le segnalazioni telefoniche, sia con esperte/i che operano direttamente sul campo.
Tutte le interruzioni non programmate della rete di distribuzione sono registrate presso il Centro di Telecontrollo. Le interruzioni di forniture per la/il cliente registrate nel 2020 sono state:

  • 1,91, con una variazione SAIFI (System Average Interruption Frequency Index) del 27% rispetto al 2019, di durata pari a 29,82 minuti con l’indice SAIDI (System Average Interruption Duration Index) che è aumentato del 6% rispetto al 2019.

Sviluppo di reti intelligenti

Per essere ancora più efficiente nella gestione delle emergenze, Alperia ha anche sottoscritto un protocollo d’intesa con la Protezione Civile, con cui ha creato dei gruppi di lavoro e realizzato delle esercitazioni congiunte. Nel 2020, in particolare, è stato migliorato il sistema di comunicazione con la Protezione Civile e a settembre è stata effettuata una simulazione di un blackout – grazie anche alla collaborazione del gestore nazionale TERNA, dell’Azienda Pubbliservizi Brunico, di Alperia GreenPower, di aziende elettriche locali e del Politecnico di Milano – così da verificare la capacità di Edyna di rispondere prontamente alla situazione di emergenza.

L’esperimento, unico di questo genere in Italia, ha coinvolto le centrali idroelettriche di Lappago e Brunico. Nel novembre del 2019, infatti, un blackout causato dal maltempo aveva provocato danni molto ingenti alle imprese della zona, la cui attività produttiva era stata interrotta. La soluzione messa a punto e testata a settembre mira a evitare che ciò possa accadere nuovamente. In effetti, le evidenze raccolte durante la sperimentazione hanno permesso di scongiurare un blackout totale nella zona attorno a Brunico, anche in occasione delle intense nevicate di inizio dicembre 2020. L’alimentazione in isola si è dunque dimostrata una soluzione efficace in caso di interruzione delle linee elettriche verso il Cadore e Bressanone. In aggiunta, per potenziare ulteriormente la rete, saranno realizzati nuovi investimenti strategici sulle linee. La sicurezza energetica è infatti fondamentale sia per la popolazione che per assicurare l’efficienza dei processi produttivi delle imprese. Si tratta quindi di un fattore cruciale per la creazione di valore aggiunto del territorio.

Inoltre, Edyna sta contribuendo allo sviluppo di reti intelligenti (smart grids) per gestire produzione, accumulo, rete e consumo con un unico sistema, partecipando al progetto europeo Flexigrid. L’obiettivo è rendere più flessibile ed efficiente in termini di costi il funzionamento della rete di distribuzione, attraverso lo sviluppo di quattro soluzioni hardware e quattro soluzioni software. Un’unica piattaforma open-source integra le diverse soluzioni e le rende interoperabili con i sistemi informatici utilizzati dagli attori del settore energetico. Il progetto ha definito otto casi di studio, uno dei quali coinvolge proprio l’Alto Adige ed Edyna.
Sempre nell’ottica dell’innovazione, nel 2020 Edyna ha sviluppato ulteriormente la piattaforma “Edyna Smart” con cui monitora i consumi in quattro aree:

  • Smart  Water: per la raccolta dell’acqua piovana per l’irrigazione, la misurazione del transito dell’acqua, il rilevamento dell’umidità del terreno e l’irrigazione intelligente in base ai dati meteo previsti e/o ricevuti;
  • Smart Vehicle: sistema intelligente di parcheggio con indicazione dei posti liberi, conteggio dei veicoli presenti, sistema di parcheggio per biciclette e moto e colonnine elettriche;
  • Smart Lighting: sistema intelligente di illuminazione con sensori di rilevamento;
  • Smart Access: sistema di riconoscimento automatico degli accessi.

Per info

Per maggiori informazioni, visitare il sito sostenibilita.alperia.eu.