Home Blog

A Roma il convegno sulla mobilità sostenibile

Un convegno per fare il punto della mobilità sostenibile (Shutterstock.com)

Terminato poche ore fa il convegno per analizzare la mobilità sostenibile e individuare le sfide del settore.

Dal trasporto pubblico fino agli aerei, ma anche nell’ambito dell’automotive, le infrastrutture sono molti gli aspetti che la mobilità sostenibile deve considerare.

Attualmente non possiamo pensare al futuro senza considerare la mobilità sostenibile e quindi le sfide che devono essere affrontate sono davvero puntuali e imminenti.

In Italia, ma anche nel resto del mondo, cresce la domanda di mobilità sostenibile.

In particolare, nel trasporto pubblico locale a livello nazionale parliamo di circa 16 milioni di persone al giorno che utilizzano mezzi pubblici, con oltre 4 miliardi e mezzo di viaggi all’anno.

Per questo motivo è importante concentrarsi sui trasporti pubblici locali, che coprono un ampio spettro della mobilità.

Le infrastrutture devono essere chiaramente migliorate, a partire dall’elettrificazione.

Molto è stato fatto, ma ancora di più deve essere fatto, inclusa l’estensione ultraveloce della rete di ricarica e l’ampliamento delle varie modalità di utilizzo dei servizi di ricarica.

Attualmente, l’autonomia delle varie auto elettriche copre circa il 95% degli spostamenti medi che gli italiani effettuano.

Non da meno, è importante considerare tutto il settore aereo, dove attualmente il biofuel ha ancora costi elevati e deve essere ottimizzato anche in questo ambito.

Pitaya: proprietà, usi e controindicazioni del frutto del drago

pitaya frutti cesta
(Shutterstock.com)

Quali sono le proprietà della pitaya? Scopriamole tutte, insieme agli usi e alle controindicazioni da tenere bene a mente.

Appartenente alla famiglia delle Cactaceae, la pitaya, chiamata anche frutto del drago, è il frutto di un cactus del genere Stenocereus e Hylocereus. Originario del Centro e del Sud America, è un frutto tropicale che pian piano è arrivato anche sulle nostre tavole. Ricco di vitamina C e zuccheri solubili (fruttosio), è una fonte ottima di calcio e antocianine (betacianine) con funzione antiossidante. E’ povero di acqua e presenta un contenuto medio di fibre alimentari.

La pitaya ha una forma che la rende distinguibile a primo sguardo. Di colore giallo, rosso o viola, è ovale con buccia frastagliata. La polpa, invece, è bianca o viola e presenta semini simili a quelli del kiwi. Il peso varia tra 150 e 600 grammi e l’apporto calorico è piuttosto elevato: quasi 270 kcal per 100 grammi di parte edibile. Ricordiamo che colesterolo, lattosio e glutine sono assenti, per cui il frutto può essere tranquillamente consumato anche da celiaci & Co.

pitaya frutto tagliato piatto
(Shutterstock.com)

Pitaya: usi e controindicazioni

La pitaya si consuma soprattutto cruda, ma può essere impiegata anche per ricette dolci o bevande. Con un sapore delicato e un gusto dolce con note acidule, il frutto è un ingrediente aromatizzante e colorante per succhi di frutta e cocktail, come il Dragon’s Blood Punch. Se mangiato al posto di altri frutti, la porzione medica consigliata è di 50 grammi, pari a circa 130 kcal.

Pur non presentando grandi controindicazioni, a meno che si abbia qualche allergia particolare, la pitaya non è adatta a tutti. Ricordiamo, infatti, che si tratta di un frutto molto energetico, quindi è sconsigliato a quanti soffrono di patologie legate al metabolismo del glucosio. E’ molto calorico e zuccherino, motivo per cui non bisogna mai esagerare con le quantità. In ogni modo, è controindicato nelle diete contro il sovrappeso e malattie come il diabete mellito tipo 2 e l’ipertrigliceridemia.

Gara automobilistica sostenibile sui laghi attorno a Lecco

La mobilità green incontra la ricerca in una sfida automobilistica (Shutterstock.com)

La sfida della mobilità elettrica passa attraverso il circuito dei Laghi lecchesi ed è stata promossa dal Politecnico di Milano e da Ecoverso.

Saranno anche i ricercatori e gli studenti del Politecnico di Milano del polo territoriale di Lecco a prendere parte anche a questa emozionante sfida green nei territori lombardi.

L’evento si terrà domenica 19 maggio, ma già ora c’è molto fermento e trepidazione per questo bellissimo circuito lungo 58 km che costeggia i vari laghi di Annone, Pusiano, Alserio e Garlate.

Una sfida che non ha tanto il senso della competizione di velocità come può averlo un circuito di Formula 1, ma che permette di vincere a colui che totalizza il punteggio finale di consumo più basso.

Una gara quindi all’insegna della sostenibilità e della diminuzione dei consumi, in armonia chiaramente con l’ambiente e con tutto il territorio.

Non sono definiti limiti di tempo, ma ai piloti viene anche chiesto di seguire il flusso del traffico senza creare rallentamenti o procedere a velocità troppo basse.

Una gara quindi insolita ma davvero molto interessante per vedere i dati prestazionali al termine della competizione e anche per avere un riscontro di partecipazione relativo alle comunità locali.

I mercatini sostenibili in Emilia Romagna: Imola

Imola, Bologna (Shutterstock.com)

Il “Mercatino di cos’antiche” si svolge ogni quarto sabato del mese, esclusi giugno, luglio e agosto. Prossimo appuntamento per il 27 aprile

Al “Mercatino di cos’antiche” di Imola, in provincia di Bologna, gli espositori – circa 20 – propongono oggetti di collezionismo, antiquariato, modernariato. Ogni quarto sabato del mese, esclusi giugno, luglio e agosto, nella galleria del centro cittadino, dalle ore 9 alle 18. Il mercatino è organizzato dal Comune. Il prossimo appuntamento è per il 27 aprile.

Spasmi notturni: rimedi naturali e consigli della nonna

piedi letto notte spasmi
(Shutterstock.com)

Ci sono rimedi naturali per contrastare gli spasmi notturni? Vediamo quali sono quelli più efficaci e rispolveriamo i consigli della nonna.

Gli spasmi notturni colpiscono circa il 70% della popolazione. Si tratta di una problematica che, nella maggior parte dei casi, non è indicativa di patologie importanti. La sensazione è quella di cadere nel vuoto durante il sonno, con tanto di contrazione involontaria dei muscoli del corpo. In termini tecnici si definisce spasmo ipnico e si manifesta soprattutto durante la fase di addormentamento, quindi poco dopo essersi coricati, quando l’organismo si rilassa per favorire il sonno. Anche se ancora non è stata trovata la causa ufficiale, la patologia sembra essere strettamente correlata allo stress, all’ansia, all’eccesso di caffeina, alla privazione di riposo o all’esercizio fisico nelle ore che precedono la notte.

Gli spasmi notturni possono colpire sia adulti che bambini, a prescindere dal sesso. Se la problematica si presenta casualmente viene definita fisiologica e non c’è nulla ci cui preoccuparsi. In caso contrario, è consigliato parlarne con il proprio medico perché si potrebbe avere un vero e proprio disturbo del sonno correlato ad altre patologie. Nel momento in cui non c’è una cronicità si può tranquillamente ricorrere ai rimedi naturali.

crampi gambe letto
(Shutterstock.com)

Spasmi notturni: rimedi naturali efficaci

Per combattere gli spasmi notturni è consigliato praticare attività rilassanti nelle due ore che precedono il sonno. Dallo yoga alla meditazione, passando per le tecniche di rilassamento, che contribuiscono a facilitare la distensione neuro-muscolare. Inoltre, limitate il consumo di sostanze eccitanti, come la caffeina, e gli alcolici. Non dimenticate di prestare grande attenzione al riposo: la privazione, infatti, è tra i fattori che maggiormente predispongono alle contrazioni muscolari.

E’ fondamentale anche dormire in una posizione comoda, che aiuti a rilassare la colonna vertebrale, andando così ad alleviare le contratture muscolari dovute dallo stress o dall’allenamento. Infine, un paio d’ore prima di buttarvi tra le braccia di Morfeo, concedetevi una tisana rilassante. Quelle più indicate sono: camomilla, melissa, lavanda, tiglio e passiflora.

Berlino conferma gli obiettivi di auto elettriche per il 2030

La Germania conferma il suo impegno (Shutterstock.com)

Il Governo tedesco conferma tutto quanto era stato preannunciato per i prossimi anni in ambito di mobilità sostenibile.

L’obiettivo era stato dichiarato e ancora una volta è stato confermato dal Governo tedesco.

Nel mirino ci sono 15 milioni di auto elettriche in circolazione sulle strade tedesche nel 2030.

Si tratta chiaramente di un traguardo decisamente ambizioso ma alla portata di un’economia importante come quella tedesca.

Ricordiamo sempre che la Germania ospita dei colossi dell’automotive come Volkswagen, ma anche Audi, Mercedes e BMW, che sono in prima linea per l’elettrificazione e lo sviluppo delle auto elettriche.

Recentemente i luoghi di ricarica pubblici sono stati raddoppiati, arrivando a oltre 100.000 in Germania.

Non mancano chiaramente i luoghi di ricarica veloce all’interno delle aree di sosta autostradali.

Il Governo tedesco si sta quindi impegnando in prima linea per fornire tutti i mezzi economici e infrastrutturali per rendere possibile il passaggio al mondo elettrico.

Non manca inoltre un accordo con la Cina per una dichiarazione congiunta all’interno di un ambito di cooperazione sulla guida autonoma e connessa. La definizione di standard e regole di gestione dei dati e informazioni è stata attenzionata da entrambi i Governi.

Marche, 25 aprile e 1 maggio con i bambini

Pesaro, Marche (Shutterstock.com)

Mammemarchigiane.it ha stilato una lista di eventi per le due giornate di festa da trascorrere insieme ai bimbi in mezzo alla natura

In occasione dei giorni di festa del 25 aprile e del 1 maggio, mammemarchigiane.it, il sito web dedicato alle famiglie delle Marche, ha selezionato una serie di proposte per vivere le Marche insieme ai bambini.

Gli eventi

Corinaldo (An), Festa dei Folli 2024

Appuntamento per il 25, 26, 27 e 28 aprile 2024 con il mercatino dell’artigianato e dei prodotti tipici locali, passeggiata alla ricerca delle erbe spontanee, torneo degli arcieri, artisti di strada e spettacoli itineranti. Stand gastronomici, musica, camminate, laboratori didattici per famiglie, escursioni con i cani, crazy run, sfilata di costumi artistici. Ingresso libero. Per informazioni visitare il sito della Festa dei Folli.

Pesaro – Vivai Pascucci, Gran Festa dell’Aia

Il 25 e 28 aprile e l’1, 5, 12, 19 e 26 maggio, giornate a contatto con la natura e con gli animali, dalle 10 alle 18, all’Azienda agricola Vivai Pascucci. Cestini da pic nic prenotabili, postazioni barbeque, tante attività e laboratori per bambini. Per info clicca qui.

Saltara (PU), Museo del Balì

Al Museo del Balì c’è la Primavera scientifica 2024. Il Museo del Balì è aperto anche durante i ponti e le festività di primavera. Una spettacolare location, ideale per un pic-nic e tante numerose attività proposte dal museo. Sfide a colpi di enigmi e labirinti scientifici, laboratorio di costruzione e, naturalmente, i suggestivi spettacoli al planetario e la divertente visita interattive alle sale aspettano grandi e piccoli.
Aperture
Giovedì 25 aprile – dalle 10.30 alle 19.30
Venerdì 26 aprile – dalle 15 alle 19.30
Sabato 27 aprile – dalle 15 alle 19.30
Domenica 28 aprile – dalle 10.30 alle 19.30
Lunedì 29 aprile – dalle 15 alle 19.30
Martedì 30 aprile – dalle 15 alle 19.30
Mercoledì 1 maggio – dalle 10.30 alle 19.30
Per maggiori info visitare il sito del Museo del Balì.

Mondavio (PU), visita alla Rocca Roveresca

La Rocca di Mondavio con i bambini

Falconara (An)

Parco Zoo aperto nei giorni 25 aprile e 1 maggio, dalle 9 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30). Per info: https://www.parcozoofalconara.com/it/.

Gabicce Mare (PU), Tuffo di primavera

Il 25 aprile sulla spiaggia Sottomonte a Gabicce Mare, diverse attività: aquiloni, tuffo, pic nic sulla spiaggia, dj.

Arcevia, Caccia alle uova di Pasqua

Il 25 aprile, Grande Caccia alle uova di Pasqua a tema “Omaggio ai 100 anni Disney”, nei Giardini Leopardi di Arcevia. Area dedicata a bambini under 6.

Porto Sant’Elpidio, Festival Bambin

Il 28 aprile e il 1 maggio saranno due giorni dedicati al Festival dei bambini “Bambin”. Sarà allestita una grande area dedicata all’intrattenimento, con trampolieri, giocolieri e piccoli spettacoli.

Festa del Primo Maggio 2024 a Porto Sant’Elpidio

Eventi per tutte le età.

Fermo, 25 aprile e 1 maggio

I Musei civici sono aperti: scopri le Cisterne Romane, i musei Scientifici, l’antica biblioteca e molto altro. Per informazioni visita il sito ufficiale.

Grotte di Camerano (An) – 25 aprile e 1 maggio 2024

Aperte 25 aprile, 1 maggio 2024 e anche negli altri giorni. A due passi dalla Riviera del Conero, sotto il paese di Camerano, si estende una vera e propria città sotterranea! Sito delle Grotte di Camerano.

Osimo (An), Grotte di Osimo

il circuito della città sotterranea comprende Grotte del Cantinone, grotte di P.zza Dante e Grotte Riccioni.
Per info e prenotazioni www.osimoturismo.it.

Genga (An), Grotte di Frasassi

Aperte nei festivi. Vedi: In viaggio con i bimbi nelle Marche: 2 giorni tra anconetano e Montefeltro (http://www.frasassi.com)

Cupramontana (An)

Eremo delle Grotte dei frati bianchi, posto ideale per un pic-nic nel verde.

Museo di Storia Naturale Fondazione Oppelide, Gagliole (Mc)

Aperto sabato domenica e festivi, dalle 15 alle 19. Leggi: Il Museo di Storia Naturale di Gagliole, Fondazione Oppelide

Sarnano (Mc)

La via delle cascate perdute, trekking per tutta la famiglia

Pievebovigliana (Mc)pic nic e passeggiata

Pic nic e passeggiata al lago di Boccafornace

Montemonaco (Ap), pic-nic al bosco dei Mazzamurelli

Il bosco dei mazzamurelli di Montemonaco

Cupramarittima (Ap), Malacologia

Un museo unico! Milioni di conchiglie, reperti diversi e… anche dinosauri! (http://www.malacologia.org/). Leggi anche: Dinosauri nelle Marche.

Cingoli (Mc), Fiume Incantato di San Vittore

Primo maggio, festa con artisti itineranti e spettacoli vari, dalle 11.30 fino al pomeriggio. Ingresso gratuito.

I mercatini sostenibili in Campania: San Lorenzello

San Lorenzello, Benevento (Shutterstock.com)

Il “MercAntico” si svolge ogni seconda e ogni ultima domenica del mese per tutto l’anno. Il prossimo appuntamento è per il 28 aprile

Il mercatino di antiquariato, denominato “MercAntico”, di San Lorenzello, in provincia di Benevento, propone un’ampia scelta di oggettistica e curiosità, di modernariato e vintage, con espositori che provengono da varie località della Campania e delle regioni vicine. Il mercatino, che conta circa 50 espositori, si svolge ogni seconda e ogni ultima domenica del mese per tutto l’anno, in via Roma e nel centro storico.

Le stanze sfitte al primo piano delle strade del centro storico diventano esposizione e vendita di oggetti recuperati, mobili, ceramiche, quadri e piccola oggettistica, le stradine e le piccole piazze diventano teatro per piccoli rigattieri e prodotti tipici. San Lorenzello è un piccolo paese di duemila abitanti, adagiato alle falde del Matese, in quello che un tempo è stato territorio del popolo sannita. Organizzato dal Comune, il prossimo appuntamento è per il 28 aprile.

I mercatini sostenibili nel Lazio: Spinaceto Roma

(Shutterstock.com)

Il mercatino dell’antiquariato e dell’usato denominato “Mercatutto” si svolge ogni venerdì dell’anno in parco Frignani

Ogni venerdì di tutte le settimane dell’anno, in parco Frignani di Spinaceto Roma, si svolge “Mercatutto”, dove tra i circa 25 banchi allestiti, è possibile trovare oggettistica, antichità, modernariato, vintage, collezionismo e artigianato creativo. Organizzato dall’associazione “Una piazza per curiosare”, è ormai un appuntamento fisso per i laziali.

Google e le nuove funzioni di Maps per le auto elettriche

Novità in arrivo per Google Maps (Diego Thomazini / Shutterstock.com)

Il colosso statunitense ha annunciato recentemente delle novità per le vetture sostenibili al fine di rendere più facile raggiungere le stazioni di ricarica.

Uno dei principali crucci per coloro che decidono di acquistare un’auto elettrica è l’individuazione delle colonnine di ricarica.

Molti Governi si stanno impegnando per renderle più diffuse e diverse società stanno sviluppando applicazioni per individuare quelle più vicine.

Tale aspetto non poteva sfuggire al più grande colosso informatico al mondo, ovvero Google, che ha recentemente implementato delle novità all’interno della propria applicazione di navigazione.

L’intelligenza artificiale sarà un prezioso alleato per rintracciare tutti i dati più utili e riassumerli, inserendo quelli di maggiore utilità per le auto elettriche.

Si potrà conoscere per ogni stazione di ricarica una serie di informazioni, a partire dal tempo reale sulle colonnine di ricarica e il percorso per raggiungerle.

Google prevede inoltre itinerari più intelligenti e razionali per soste sempre efficienti e idonee al veicolo.

Si tratta quindi di itinerari con diversi stop per ricaricare l’auto elettrica se l’autonomia della stessa è inferiore rispetto al tragitto da percorrere.

Ultimi articoli