(Shutterstock.com)

Fare decluttering periodico

Le nostre case sono spesso un cumulo di oggetti e mobili. Lo sa bene chi si occupa della gestione domestica e si ritrova a rassettare con cadenza almeno settimanale l’intero ambiente. Tanto che fare decluttering è diventato sinonimo di igiene anche mentale come dimostrano serie televisive e libri che provano a insegnarlo. Nasce da una esigenza moderna visto e considerato che le case dei nostri nonni erano sicuramente più sobrie e spartane.

Ridurre all’essenziale

Possedere tanti oggetti, accumulare, cedere all’acquisto compulsivo possono essere sintomatici di una certa irrequietezza interiore. Mai come oggi è evidente la necessità di un ritorno all’essenziale. Buttare via cose inutili e far spazio in armadi, dispense, cassetti, librerie è un modo per ottimizzare gli spazi di casa e trarne benefici per il proprio benessere, oltre a semplificare la vita. Il senso di liberazione che se ne ricava conferma quanto sia controproducente riempire ogni angolo di casa fino all’inverosimile.

Alcune strategie pratiche

Iniziare a fare ordine in casa richiede tempo. Bisogna partire da una scelta consapevole di quanto è necessario conservare e di quello che invece è sostanzialmente superfluo ed eccessivo. L’ordine in casa consentirà un risparmio di tempo notevole: sarà più facile spolverare, ritrovare documenti, sistemare gli armadi.
Si potrebbe partire dall’abbigliamento e scartare capi logori da utilizzare per le pulizie domestiche dopo averli puliti e donando i vestiti vintage in centri di raccolta o a persone di propria conoscenza.
Per le bollette domestiche basta conservare quelle relative agli ultimi cinque anni.
Mentre per i libri quelli scolastici, a meno che non siano troppo vissuti o abbiano un valore affettivo, si possono rivendere nelle librerie specializzate. I libri di lettura non vanno buttati ma possono essere donati alle biblioteche comunali o mettere in circolazione con il bookcrossing: lasciare cioè il libro in un luogo pubblico dove potrebbe essere colto da qualcuno di passaggio.

Riciclo e nuova vita degli oggetti

Alcuni oggetti personali possono avere una valenza particolare perché legati ai nostri sentimenti e ricordi. In tal caso si possono convertire in altro come nel caso di cartoline o oggetti spaiati, ad esempio i piattini di un servizio di caffè.

Ti potrebbe interessare

Come organizzare il guardaroba avendo a disposizione un armadio
Eliminare il superfluo dal guardaroba