cucina alimenti contenitori donna
(Shutterstock.com)

Come conservare gli alimenti? Vediamo quali sono i materiali e i contenitori più adatti e cosa va in frigorifero e in dispensa.

Conservare gli alimenti è fondamentale, sia per la nostra salute che per garantire il corretto mantenimento dei cibi. Affinché ciò avvenga è importantissimo scegliere con attenzione i materiali e i contenitori che utilizziamo per riporli in frigorifero o nella dispensa. Innanzitutto, ricordatevi sempre che vanno evitate le pellicole trasparenti contenenti DEHA e gli involucri termoplastici perché, se a contatto con alimenti grassi o caldi, diventano tossici. I recipienti di acciaio o alluminio, invece, vanno sempre bene tranne che con cibi molto acidi (come aceto o limone) e ricchi di sale perché possono corrodere i metalli.

La scelta migliore è conservare gli alimenti in contenitori di vetro dotati di chiusura ermetica, che sono in grado di preservare l’igiene di qualsiasi alimento. Per quanto riguarda la carta, a patto che venga cambiata spesso perché assorbe l’umido, va bene solo per la frutta e la verdura. In caso di cibi cotti, a prescindere dal materiale che si sceglie per conservarli, è bene riporli in frigorifero solo quando sono completamente freddi. Inoltre, non dimenticate che gli alimenti cotti non vanno mai mescolati con quelli crudi altrimenti si rischiano le contaminazioni crociate, tra le principali cause di intossicazione.

verdure contenitori vetro
(Shutterstock.com)

Conservazione in frigorifero: gli alimenti che scatenano più dubbi

Restando in tema di conservazione degli alimenti, vediamo quali sono le prelibatezze che vanno in frigorifero e quelle che è corretto mettere in dispensa. Gli agrumi, la frutta esotica (come papaya, mango e avocado), i pomodori, i fagiolini, le zucchine e i cetrioli non vanno in frigo perché si ossidano e diventano amari. Se frutta e verdura sono ancora acerbe lasciatele a temperatura ambiente. Per quel che riguarda il pane, il frigorifero è bandito perché lo fa diventare raffermo. Al contrario, mettetelo in congelatore, anche per lunghi periodi. Quando vi servirà sarà fresco, come appena sfornato.

Caffè e cioccolato si tengono in dispensa. Specialmente per quel che riguarda il cioccolato, se messo in frigorifero, si ossida e diventa amaro. Inoltre, perde le sue proprietà e il burro di cacao va ad assorbire gli odori degli altri alimenti andando ad alterare il proprio. Tenetelo in un armadietto, in un luogo con temperature e umidità moderate, lontano dal caldo e al riparo dalla luce. Se all’interno di una scatola di latta è ancora meglio. Per quel che riguarda il caffè, l’ideale è tenerlo in un “luogo fresco e asciutto”, in contenitori con chiusura ermetica.