Codice sul guscio delle uova
(Starstuff/Shutterstock.com)

Saper leggere il codice riportato sul guscio delle uova è importante per un acquisto ed un consumo consapevole di questo prodotto

Ogni volta che acquistiamo delle uova, possiamo notare che sul guscio è riportato un codice. All’apparenza questa fila di numeri e lettere sembra non dire nulla al consumatore, in realtà, proprio qui sono riportate tantissime informazioni utili. Vediamo quali. 

1. Il primo carattere stampato sul guscio è un numero che va da 0 a 3. La cifra sta ad indicare la tipologia di allevamento da cui arrivano le nostre uova:

  • lo 0 indica un prodotto proveniente da un allevamento biologico. Le uova arrivano da galline allevate attraverso un’ alimentazione biologica, nel rispetto della sua crescita naturale. In questo ambiente gli animali sono liberi di muoversi sia all’aperto che al chiuso, con un massimo di 6 esemplari per metro quadrato. Questo è il tipo di allevamento più consigliato, perché è il più rispettoso delle necessità dell’animale.
  • l’1 indica che le uova provengono da un allevamento all’aperto. In questo caso, le galline sono tenute in capannoni ma hanno la possibilità di muoversi anche all’esterno; sono resi disponibili tra i 2,5 e i 4 metri quadrati per animale. Al contrario delle uova provenienti da allevamento biologico, in questo caso non ci sono indicazioni riguardo l’alimentazione.
  • il 2 indica uova che provengono da allevamenti a terra. Qui le galline non hanno la possibilità di muoversi in un ambiente esterno, perché chiuse in un capannone, dove verranno riprodotti artificialmente i cicli di luce e buio. Anche la deposizione delle uova avverrà nel capannone, dove sono disponibili alcuni nidi.
  • il 3 indica uova che provengono da allevamenti in gabbia. In questo ultimo caso, le galline si trovano costrette a vivere chiuse in gabbia, con una disponibilità per il singolo animale di circa 750 centimetri quadrati di spazio. Questo tipo di allevamento, che consente di stipare molti più animali in un capannone, è certamente il meno indicato, sia per il trattamento riservato all’animale, sia perché il tipo di regime a cui la gallina è sottoposta incide molto sulla qualità dell’uovo che noi mangiamo.

2. La seconda parte del codice indica la nazione di provenienza delle uova. Quelle italiane hanno il codice IT.

3. I tre numeri seguenti indicano un codice Istat, che va ad indicare il Comune di provenienza delle uova (la corrispondenza è consultabile sul sito ISTAT).

4. Le due lettere successive indicheranno la provincia di provenienza del prodotto.

5. I tre numeri finali indicano il codice identificativo dell’azienda agricola da cui provengono le uova.